APERTURA

Oliera in tavola: l’UE, la curvatura di Cetrioli e la lunghezza delle Banane

A cura di Fabio Gallo – Gruppo ComunicareITALIA

Convinti di farci un torto, Gran Bretagna, Germania, Danimarca, Olanda e Austria hanno fatto un grande regalo all’Italia.  Spieghiamoci…., di questi tempi i regali all’Italia sono davvero pochi: la Commissione europea ha ritirato la proposta che, presentata la scorsa settimana tra le polemiche, avrebbe obbligato i ristoratori a servire l’Olio in bottiglie monouso per garantirne la qualità. La notizia della retromarcia è stata comunicata dal commissario Dacian Ciolos.

OLIERE IN TAVOLA: DACIAN CIOLOS RITIRA LA PROPOSTA
A “suggerire” il ritiro della proposta è stato il premier britannico David Cameron ma in molti pensano ci sia lo zampino Angela Merkel che sembra, da un po di tempo a questa parte, remare contro gli interessi degli stessi amici tedeschi. Essi, infatti, anche grazie a lei, ora potranno essere certissimi che a tavola, nei loro Paesi, potrebbero bere al posto dell’Olio Extra Vergine di Oliva salutare e genuino come quelli garantiti dalla Aziende Agricole Italiane, vere e proprie schifezze con gravissime ricadute sulla loro salute.

OLIERE IN TAVOLA: CAMERON E MERKEL HANNO FATTO ALL’ITALIA UN GRANDE FAVORE
Attenzione!! All’Italia, però, hanno fatto un grande favore perché i cittadini dei Paesi oppositori oggi sanno per certo che la qualità e la sicurezza alimentare non è loro garantita neanche nei locali pubblici. Italia e Portogallo, invece, sono salve perché avevano già messo al bando la vecchia oliera anonima dai tavoli di ristoranti e trattorie o dai banconi di bar e tavole calde. I Turisti prenderanno ora coscienza del fatto che a garantire la Tavola nei locali pubblici saranno solo Italia e Portogallo. Particolare, questo, che unito al consumo dell’altrettanto celebre Vino Italiano, costituirà un indubbio valore che si registrerà sul Pil del Bel Paese.

David Cameron e Angela Merkel con relative lobby sono, per fortuna sia degli italiani che degli inglesi e dei tedeschi, solo una piccola parte di queste grandi Nazioni che ora hanno capito che i loro governanti non tengono alla loro salute a tavola. Volentieri diamo un suggerimento ai cittadini e alle attività di ristorazione europee che cercano un Olio Extra Vergine di Oliva di Frantoio tra i migliori del mondo: si chiama Simply Med, il nuovo Brand Etico italiano che commercializza i migliori oli delle 5 terre del Sud. Ecco il link: http://dietamediterraneashop.it/it/

I CITTADINI EUROPEI NON POSSONO ESSERE PIU’ CERTI DELLA QUALITA’
A partire dal primo gennaio 2014, l’avrebbero dovuto fare anche gli altri partner europei, in quanto sarebbe dovuto scattare l’obbligo di utilizzare bottiglie di Olio d’Oliva con un tappo anti-manomissione per evitare che qualche ristoratore disonesto riutilizzi una bottiglia con una bella etichetta di olio d’oliva di alta qualità, versandovi invece del prodotto scadente. Ciò significa che i cittadini europei non potranno sapere se il ristoratore sta somministrando olio di scarsissimo livello con le ovvie gravi ricadute sulla loro salute. Tranne in Italia e in Portogallo.

Alla fine, però, a “loro” parere, hanno avuto la meglio Gran Bretagna, Germania, Danimarca, Olanda e Austria che, invece, non hanno fatto altro che valorizzare la buona tavola “in Italia” alla quale non manca e non mancherà così come il Vino anche l’Olio certificato ed Eccellente. Un vantaggio non da poco poiché sublima l’orientamento dei nuovi mercati verso Olio e Vino Italiano che, come ha recentemente evidenziato AIS – Associazione Italiana Sommelier nel corso della giornata nazionale dell’Olio e del Vino, non hanno secondi al mondo.

DAVID CAMERON E ANGELA MERKEL REMANO CONTRO I LORO CITTADINI
C’è da augurarsi che David Cameron e Angela Merkel continuino così anche sulle banche prima che la loro politica devasti i loro stessi popoli che, invece, dimostrano di apprezzare senza ombra di dubbio Olio e Vino italiano.

DIETA MEDITERRANEA E DIETA CELTICA: NELLA GREEN ECONOMY VINCE LA PRIMA
In Europa l’Olio (quello buono) rappresenta anche la reale diversità tra i popoli del Mediterraneo (come l’Italia) e le rimanenti nazioni del Nord Europa con caratteristiche celtiche. L’Italia, ricca del patrimonio Agro Economico rappresentato dalla Dieta Mediterranea, basa la sua tavola sull’Olio Extra Vergine di Oliva e sul Vino, tipica bevanda della tavola mediterranea. E’ sufficiente rammentare che Gesù di Nazareth, a tavola, compie miracoli trasformando le otri di Acqua in “buon vino” (miracolo di Cana) e, al momento dell’istituzione del rito eucaristico, Egli stesso diventa “Vino” per un’alleanza senza più sacrifici di sangue. Il vino, dunque, rappresenta la bevanda per eccellenza delle convivialità e l’Olio di Oliva il “principe” dell’alimentazione mediterranea considerata il futuro alimentare – cuore della Green Economy – poiché alimentazione assolutamente più salutistica e meno idrovora dell’alimentazione celtica che si basa sull’uso dello strutto e della birra. I modelli alimentare inglese e tedesco, infatti, proprio per il fatto che sono quelli che richiedono più consumo di acqua dolce, sono destinati al collasso. Ciò motiva la guerra preventiva che come campo di battaglia ha la tavola. Guerra persa in partenza, almeno contro l’Italia, patria della Dieta Mediterranea che l’UNESCO ha riconosciuto, tra l’altro, Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

L’UNIONE EUROPEA, I CETRIOLI CURVI E LE BANANE LUNGHE…
A chi pensa che la discussione sull’oliera non sia seria basta ricordare che l’UE ha discusso, invece, molto seriamente della “curvatura dei cetrioli”. Tra la curvatura del celebre ortaggio e l’Olio c’è una bella differenza visto che l’Extravergine di Oliva puro è consigliato in tutte le diete alimentari che proteggono la salute. ma pare che il dibattito nell’Ue abbia una particolare predilezione per la curvatura del cetriolo e la lunghezza delle banane. Oltre all’esatta angolatura del vegetale, infatti, si stabilì che i frutti dall’alto contenuto di potassio, per essere commercializzate “legalmente” nel nostro continente, dovessero avere una lunghezza minima di 14 centimetri e 27 millimetri. Siamo alla follia. Quando è troppo è troppo!

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in APERTURA

Il Teatro Officina delle Arti di Eduardo Tarsia

Crisi Teatri a Cosenza. Fabio Gallo: Officina delle Arti già digitalizzata e inserita nel MetaversoCOSENZA.

Redazione ComunicareITALIA19 giugno 2022
Il Teatro di Tradizione Alfonso Rendano di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza chiudono i Teatri. La politica ha le sue responsabilità. Il Rendano sia d’esempio

Fabio Gallo13 giugno 2022
Opera di Cornelia Parker

Arte, le mostre e gli eventi da non perdere quest’estate

Redazione ComunicareITALIA12 giugno 2022
MAB - Museo all'Aperto Bilotti

Roberto Bilotti a Cosenza ospite del Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA26 maggio 2022
Scorta Civica per Nicola Gratteri

Istituita la “Scorta Civica” per Nicola Gratteri. Venerdì il primo sit-in a Catanzaro.

Redazione ComunicareITALIA10 maggio 2022
Festival della Scienza - Liceo Scientifico "G. Berto" - Vibo Valentia

Il Festival della Scienza di Vibo invita Fabio Gallo ideatore di MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA29 aprile 2022
Fabio Gallo e Antonietta Cozza

Cosenza, Teatro Rendano: i Delegati Fabio Gallo e Antonietta Cozza incontrano dirigenti e funzionari del Comune

Redazione ComunicareITALIA28 aprile 2022
Biblioteca Nazionale di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza si torna a parlare di Cultura e Belle Arti senza perimetri

Redazione ComunicareITALIA14 aprile 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA l’immersione innovativa nei Beni Culturali piace all’Università e alla ricerca

Redazione ComunicareITALIA12 aprile 2022
Fabio Gallo-delegato dal Sindaco di Cosenza all'Ecosistema Digitale della Cultura

Ecosistema Digitale della Cultura. A Fabio Gallo la delega del Comune di Cosenza

Viviana Normando4 aprile 2022
Da sx: Fabio Gallo - Franz Caruso

Franz Caruso: Fabio Gallo all’Ecosistema Digitale della Cultura e Consulente del Sindaco per il Teatro

Redazione ComunicareITALIA1 aprile 2022
Teatro Alfonso Rendano - Foto Aerea di Mario Timpano

La “Paolo di Tarso” su comunicato stampa della Consigliera comunale di Cosenza Alessandra Bresciani

Redazione ComunicareITALIA25 marzo 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Redazione ComunicareITALIA19 marzo 2022
metaversocosenza-massimodebuono-fabiogallo-bncs

Grande successo per l’inaugurazione di MetaversoCOSENZA, Ecosistema Digitale della Cultura

Redazione ComunicareITALIA17 marzo 2022
MetaversoCOSENZA

La città di Cosenza ha il suo ecosistema digitale della Cultura. Si chiama MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA8 marzo 2022
Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti

Istituite le “Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti”. Martedì la sottoscrizione a Cosenza

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
arte-treccani

Il significato di “Arte” te lo spiega Treccani: “capacità di agire e di produrre…”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Baya Mahieddine

Arte.it, la Biennale d’Arte 2022 fucina “green” di una nuova umanità nel segno del “reincanto”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Gabriele Münter

A Berna un nuovo sguardo su Gabriele Münter, pioniera dell’Arte Moderna

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Cesare Tacchi

Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli, a cura di Daniela Bigi con l’Archivio Cesare Tacchi

Fabio Gallo20 febbraio 2022
fabio-gallo3

CIS Cosenza Centro Storico, Fabio Gallo: finalmente l’epilogo di una storia infinita.

Redazione ComunicareITALIA4 febbraio 2022
Belle Arti

Digitalizzazione, riparte “120Giorni della Belle Arti”. Se ne occuperà CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA31 dicembre 2021
150° anniversario dell'AIDA di Giuseppe Verdi

Teatro: 150° anniversario dell’AIDA. Il MiC celebra il capolavoro di Verdi

Redazione ComunicareITALIA27 dicembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Cosenza, successo per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla sicurezza della Città Storica e al PNRR

Redazione ComunicareITALIA18 dicembre 2021
Teatro Alfonso Rendano di Cosenza

Cosenza, Fabio Gallo: il Teatro Rendano tra abbandono, degrado e inciviltà. Mai più così. Appello al Sindaco

Redazione ComunicareITALIA1 dicembre 2021
Pontificio Seminario Romano Maggiore

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA26 novembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Digitalizzazione, Arte, Teatro, Beni Culturali: Fabio Gallo: adunanza per i nostri esperti

Redazione ComunicareITALIA13 novembre 2021
Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA31 ottobre 2021
CONNESSIONI-CentrodiAltaCompentenza

Inaugurazione Centro di Alta Competenza CONNESSIONI per la valorizzazione dei Beni Librari e Culturali

Redazione ComunicareITALIA28 ottobre 2021
Franz Caruso: un vero nuovo Stadio per Cosenza

Franz Caruso a ComunicareITALIA: il nostro Stadio sarà attrazione per lo Sport nazionale

Redazione ComunicareITALIA16 ottobre 2021