APERTURA

Cosenza, Fabio Gallo: il Teatro Rendano tra abbandono, degrado e inciviltà. Mai più così. Appello al Sindaco

di Fabio Gallo

Fabio Gallo - Franz Caruso

Da sx: Fabio Gallo – Franz Caruso

Facendomi carico delle tante richieste dei cittadini di Cosenza e di numerosi artisti anche internazionali che mi hanno gratificato della loro attenzione, ho rivolto tali pubblici auspici al Sindaco di Cosenza Franz Caruso per “adottare” il Teatro di tradizione Alfonso Rendano di Cosenza proponendomi per la Direzione Artistica dello stesso. Mi fido molto di lui, è persona seria. Credo di avere requisiti in abbondanza. Eccoli. CLICCA QUI.

Non possiamo esimerci, per guardare avanti, di chiudere con il passato analizzandolo. Non credevo, lo ammetto, di trovare un Teatro di “tradizione”, così abbandonato all’incuria, al degrado strutturale, al disinteresse politico e istituzionale di chi ha governato sino ad oggi la Città, nonostante rappresenti il luogo più importante della Città di Cosenza e dell’intera Regione a livello culturale. Una situazione che anche da ex candidato Sindaco della Città di Cosenza non posso tollerare e non voglio tacere, unitamente a tutti i cittadini che chiedono a gran voce il ritorno alla manifestazione dell’Arte e della Cultura in Città. E non mi fermerò fino a quando il Teatro di tradizione Alfonso Rendano tornerà a risplendere sia a livello strutturale che a livello artistico.

Un secchio per la raccolta dell’acqua piovana che penetra dal tetto nel ridotto del Teatro Alfonso rendano di Cosenza.

Il Teatro Rendano necessita di immediati interventi: piove nella Sala “Maurizio Quintieri”, il ridotto del Teatro, ove è stato posto un secchio per la raccolta dell’acqua che ha già distrutto gli stucchi dei decori dorati e penetrato l’intero cielo della grande sala. Uno spettacolo indecoroso testimone di anni di incuria e disinteresse.

Infiltrazioni di acqua nel ridotto del Teatro Alfonso Rendano (Sala Maurizio Quintieri)

Eppure, il ministro Dario Franceschini ha reso disponibili ben 90 milioni di Euro per la riqualificazione urbana della Città Storica di Cosenza e bisogna chiedersi se la precedente amministrazione comunale ha inserito la riqualificazione del luogo più importante per la Cultura della Città.

Scala d’ingresso alla Sala del Teatro Alfonso Rendano di Cosenza disseminato di muffa

Ho effettuato una ricognizione nei locali del Teatro e posso dire che mai, dico mai, anche nei luoghi definiti da “terzo mondo” che pure ho conosciuto per i tanti anni di professione internazionale nel mondo dell’Arte, ho visto abbandonati in tale maniera. Anzi, i Teatri in queste latitudini sono sempre molto decorosi e simbolo di crescita e sviluppo nel mantenimento dei loro interni e delle attrezzature, se pur minime. La scalinata di accesso principale alla Sala è disseminata di muffa sulle pareti dalle quali è evidente il distacco di stucchi. Nei corridoi di servizio ai palchi sono visibili lesioni assai preoccupanti e segni di umidità sparsi ovunque.

Teatro di tradizione Alfonso Rendano di Cosenza – le scale nell’edificio

I marmi delle scale in alcuni luoghi sono completamente spezzati con grave rischio per l’incolumità di chi vi accede. Per non parlare dei locali che sarebbero dovuti essere la celebre biglietteria del Teatro, letteralmente divorata dall’umidità, segno evidente di importanti infiltrazioni d’acqua che devono assolutamente essere fermate.

Nella prestigiosa Sala e nei palchi mancano, incredibile a credersi, anche le lampadine e non solo non è possibile ammirare la bellezza della stessa sala. Uno sguardo agli ambienti destinati a Sartoria, sala trucco, attrezzeria, fanno chiaramente intendere che il Teatro Alfonso Rendano ha subito la grande incapacità di chi ne ha avuto responsabilità amministrativa riducendolo ad una sorta di grande magazzino abbandonato. Inconcepibile.

La Sala del Teatro Alfonso Rendano di Cosenza al buio perché mancano le lampadine

Questo è l’impegno che assumo con i cittadini e con il Sindaco di Cosenza che, dal canto suo, si troverà a combattere contro i fantasmi del passato ed un dissesto finanziario che porrà molti limiti all’amministrazione. Ma credo che se ognuno di noi farà ciò che sa fare bene, ne usciremo dando un esempio di buona politica indispensabile perché Cosenza torni ad essere una meta ambita dal mondo dell’a Cultura e del turismo culturale.

Dettaglio di un corridoio che porta ai palchi del Teatro Alfonso Rendano di Cosenza (uscita di sicurezza)

Abbiamo visto cosa, la cattiva gestione politica, può portare di male alla Città e allo sviluppo socio culturale della comunità dei cittadini. Il fatto che non vi sia da anni una degna stagione lirica non mutuata ma reale, pone a rischio anche il continuare ad essere un Teatro di “tradizione”.

Nel corso della visita nel Teatro Alfonso Rendano ho avvertito un vuoto di civiltà, di quel senso civico cui noi tutti non possiamo rinunciare per non essere rubricati come cittadini di serie “B”. E’ nel mantenimento del nostro patrimonio culturale che si manifesta la buona politica ed il vivere civile e culturale, anche alla base dello sviluppo di nuove economie sostenibili che guardano all’impegno delle future generazioni. Sono certo che insieme al Sindaco di Cosenza Franz Caruso potremo fare molto per rivedere centrale il Teatro perché si possa presto tornare a parlare di quella Cosenza che un tempo meritò di essere definita l’“Atene della Calabria”.

Ho condiviso con il Sindaco di Cosenza Franz Caruso un programma preciso che, sono certo, sarà in grado di vivificare e riportare il Teatro Rendano agli antichi splendori, potendo contare personalmente su una più che ventennale esperienza di settore.

IL COMPITO DEI TEATRI DI TRADIZIONE/
I Teatri di tradizione, disciplinati dall’art. 28 della legge 14 agosto 1967, n.800 e, per il triennio 2018 – 2020, dall’art. 18 del D.M. 27 luglio 2017, hanno il compito di promuovere, agevolare e coordinare le attività musicali nel territorio delle rispettive province. La legge 800/67 prevede che il Ministro, sentita la Commissione Consultiva per il settore Musica, possa con proprio decreto riconoscere la qualifica di “teatro di tradizione” a teatri che dimostrino di aver dato particolare impulso alle locali tradizioni artistiche e musicali.

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in APERTURA

Belle Arti

Digitalizzazione, riparte “120Giorni della Belle Arti”. Se ne occuperà CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA31 dicembre 2021
150° anniversario dell'AIDA di Giuseppe Verdi

Teatro: 150° anniversario dell’AIDA. Il MiC celebra il capolavoro di Verdi

Redazione ComunicareITALIA27 dicembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Cosenza, successo per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla sicurezza della Città Storica e al PNRR

Redazione ComunicareITALIA18 dicembre 2021
Pontificio Seminario Romano Maggiore

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA26 novembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Digitalizzazione, Arte, Teatro, Beni Culturali: Fabio Gallo: adunanza per i nostri esperti

Redazione ComunicareITALIA13 novembre 2021
Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA31 ottobre 2021
CONNESSIONI-CentrodiAltaCompentenza

Inaugurazione Centro di Alta Competenza CONNESSIONI per la valorizzazione dei Beni Librari e Culturali

Redazione ComunicareITALIA28 ottobre 2021
Franz Caruso: un vero nuovo Stadio per Cosenza

Franz Caruso a ComunicareITALIA: il nostro Stadio sarà attrazione per lo Sport nazionale

Redazione ComunicareITALIA16 ottobre 2021
Affresco che ritrae San Francesco di Paola presso il Convento della SS. Trinità dei Monti di Roma

Con Fondazione CARICAL l’Ordine dei Minimi entra in rete e mostra una cascata di bellezza.

Redazione ComunicareITALIA25 settembre 2021
Piattaforma ordine dei minimi - Fondazione Culturale Paolo di Tarso - Fondazione Carical

L’Ordine dei Minimi in rete grazie a Fondazione Carical. La Piattaforma è un Capolavoro.

Redazione ComunicareITALIA4 settembre 2021
carta-della-pace-home

La Carta della Pace ad oltre 30 calabresi per l’opera di Alto Volontariato nel Centro Vaccinale di Rende

Redazione ComunicareITALIA11 agosto 2021
consulta-2

Movimento NOI: la Consulta ci dà ragione. Ora mettere mani al Pronto Soccorso di Cosenza e all’intera Sanità.

Redazione ComunicareITALIA26 luglio 2021
fabio-gallo-movimento-noi

Movimento civico NOI: la Corte Costituzionale premia le nostre battaglie sulla sanità.

Redazione ComunicareITALIA26 luglio 2021
Da sx: Alessandro Oteri, Fabio Gallo

Il Movimento NOI dice basta alle logiche di palazzo del partitismo italiano e si candida come forza di rinnovamento del Paese

Redazione ComunicareITALIA2 luglio 2021
La-Bandiera-del-Movimento-sturziano-NOI-1068x602

Il Movimento sturziano NOI si radica in Sicilia. Fabio Gallo: ai popolari di Sturzo il dovere della buona politica.

Redazione ComunicareITALIA28 giugno 2021
Avvocato Giacomo Saccomanno Commissario Lega Calabria – Foto, rete

Lega, l’incapace Orrico con progetti usurpati attacca Salvini

Redazione ComunicareITALIA20 giugno 2021
Carla Fracci nella Città della Pace ideata da Fabio Gallo - Basilica S. Maria degli Angeli e dei Martiri di Roma

Omaggio a Carla Fracci dal Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA27 maggio 2021
volontari

La migliore espressione della Società civile nell’Alto Volontariato. L’esempio del Centro vaccinale del parco Acquatico di Rende.

Redazione ComunicareITALIA17 maggio 2021
Fabio Gallo – Portavoce nazionale del Movimento civico NOI

Sanità in Calabria al centro del manifesto-denuncia del Movimento NOI

Redazione ComunicareITALIA7 maggio 2021
movimento-civico-noi-1

Quel “NOI” rivoluzionario dei Popolari che unisce verso le cose nuove

eleonora24 aprile 2021
Istituto Diocesano "Beato Toniolo le Vie dei Santi"

Famiglia oggi, con Gigi De Palo e Francesco Gallo. Incontro pubblico promosso dall’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”.

Redazione ComunicareITALIA19 aprile 2021
Tropea - Borgo dei Borghi 2021

Tropea Borgo dei Borghi: boom di contatti su CALABRIAEXCELSA

Redazione ComunicareITALIA5 aprile 2021
movimento-noi-cattolici

Attentato al prof. Cesare Ierullo delegato politico Movimento NOI Vibo Valentia

eleonora2 aprile 2021
Carlo Cottarelli

Def: Cpi-Cottarelli, deficit al 10,2%, debito al 159,6%

Redazione ComunicareITALIA28 marzo 2021
Logo Libertà Civica - Noi Popolari

Libertà Civica – Noi Popolari: successo per la nascita della federazione nazionale

Redazione ComunicareITALIA6 marzo 2021
Leonardo Sciascia Centenario della nascita 1921 - 2021

Leonardo Sciascia, “Nient’altro che la Verità”. Il saggio di Pierfranco Bruni e Mauro Mazza

Redazione ComunicareITALIA28 febbraio 2021
beato-giuseppe-toniolo-430x215

Premio Giuseppe Toniolo 2021: Sesta edizione per la rassegna di Pieve di Soligo

Redazione ComunicareITALIA26 febbraio 2021
Repsol

Respol Italia indagata per estorsione. La Magistratura di Cosenza chiede il rinvio a giudizio

Redazione ComunicareITALIA22 febbraio 2021
Complesso Monumentale della Pilotta, Parma / Foto di Fabio Gambina

2021: l’Italia che Rinasce vince in Bellezza. Da Treviso a Cosenza punti di eccellenza

Redazione ComunicareITALIA5 gennaio 2021
Centro di Alta Competenza Connessioni - Biblioteca Nazionale di Cosenza

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA19 dicembre 2020