APERTURA

DRAGHI, l’oratoria e il silenzio della Rete. Ne parla Alessandro Corneli

APERTURA
mario draghi-danaro-banche

ComunicareITALIA suggerisce la lettura dell’articolo del Prof. Alessandro Corneli

E’ possibile che il buon Mario Draghi non possa pronunciare altre parole se non le stesse ogni giorno? E’ possibile che la Rete (internet) simbolo della comunicazione globale, della Democrazia alla portata di click e di chiunque, sia capace di fare così tanta notizia da tacere? E’ possibile che in Italia qualcuno, uscito da un ritiro di Ministri in concento, decida di chiamare qualche buon diavolo che magari non conosce direttamente, che sappia scrutare il futuro al quale rubare progetti capaci di renderci competitivi in ambito internazionale? Mai dire mai…!!! ma intanto, per allenarci alla chiamata (non si sa mai) regaliamoci un pensiero del Prof. Alessandro Corneli. Redazione ComunicareITALIA

A cura di Alessandro Corneli www.grrg.eu

Un giorno sì e uno no, il presidente della Bce ha qualcosa da dichiarare. Per fortuna non è un tuttologo: i temi che tratta sono sempre gli stessi. Quasi con le stesse parole. E con lo stesso tono felpato da consiglio di amministrazione. Se si eccettua la dichiarazione forte del 26 luglio 2012 – “Siamo pronti a fare tutto il necessario per salvare l’euro” – che calmò i mercati e stabilizzò gli spread, i suoi interventi sono senza data, tutti uguali. L’ultimo è di oggi, in occasione del conferimento di una laurea honoris causa, di cui non aveva assolutamente bisogno, ma conferma la sua italianità di origine a futura memoria e future occasioni. Ecco un’antologia delle affermazioni, uguali a quelle di ieri o di un anno fa, e uguali a quelle che farà domani o tra un anno.

È opportuno mitigare gli effetti recessivi del risanamento dei conti privilegiando “le riduzioni di spesa pubblica corrente e quella delle tasse”.

In Europa, “la tassazione è già elevata in qualunque confronto internazionale”.

La Bce è “pronta ad agire” ancora “se necessario” dopo il taglio dei tassi dei giorni scorsi allo 0,5%.

Per aiutare il credito alle Pmi, “efficaci potrebbero essere anche interventi nazionali con la partecipazione di governi, banche pubbliche e agenzie di sviluppo”.

La disoccupazione in alcuni paesi europei, specie “quella giovanile”,  ha raggiunto “livelli” che “rischiano di innescare forme di protesta estreme e distruttive”.

Occorre “una crescita duratura” per ridurre la disoccupazione.

In Europa, da quasi “vent’anni è in atto una tendenza alla concentrazione dei redditi delle famiglie che penalizza i più deboli”.

Occorre “una più equa partecipazione ai frutti della ricchezza nazionale” che aumenta “la coesione sociale” e conduce “al successo economico”.

“Oggi la crescita è più debole in alcuni Paesi che in altri non solo perché il credito è scarso; era più debole anche prima della crisi, nonostante una crescita spesso tumultuosa della spesa pubblica, perché non si erano volute affrontare fragilità strutturali di cui oggi sentiamo tutto il peso”.

Le riforme per rilanciare la crescita passano attraverso “un’efficace promozione e tutela della concorrenza”, un “adeguato grado di flessibilità del mercato del lavoro che sia ben distribuito fra generazioni”, una “burocrazia pubblica che non sia d’ostacolo alla crescita”, “un capitale umano adatto alle sfide poste dalla competizione globale”.

Tanto di cappello! Affermazioni del genere sono sconvolgenti. Rivelano una realtà sconosciuta ai più e ai meno. Nessuno si era accorto di questa realtà che dura da anni. “Se non hanno pane, mangino croissant”. L’unica realtà europea-europea è la Bce. Dopo la riduzione del costo del denaro, che cosa è successo? Le banche hanno elargito prestiti a tutti e a basso tasso d’interesse? Le imprese che hanno chiuso o che hanno licenziato hanno riaperto e hanno spedito lettere di riassunzione? Le gente, con manciate di banconote in tasca, ha ripreso a spendere rilanciando i consumi? Le Borse sono schizzate in alto? No in tutti i casi. Anzi, segnali di pessimismo cominciano ad arrivare anche dalla Germania.

I governi non fiatano più; i parlamenti tacciono; i partiti pensano alle beghe interne e alle prossime scadenze elettorali; i debiti pubblici aumentano, silenziosamente, ma aumentano e lo spread si è adattato a minori rendimenti, pur sempre garantiti. È come se non si volesse spaventare la gente mentre i dati negativi si accumulano. Angela Merkel è in apnea in attesa delle elezioni politiche di settembre e nessuno vuole disturbare la Cancelliera in questo suo dialogo silenzioso con la storia.

Anche Obama tace. Gli dicono che in Siria sono state usate armi chimiche, ma lui fa finta di niente. Israele cerca di svegliarlo con un raid su Damasco. Niente. Una specie di autocensura globale è calata sulla globalizzazione. Non ci sono più vertici internazionali o europei agitati o tempestosi. La cronaca nera ha ripreso il sopravvento, contornata da nubifragi e terremoti sparsi nel mondo. I Paesi Bassi hanno finalmente un re maschio dopo tante regine. Il Regno Unito no, non ancora, ma gli eredi nascono uno dopo l’altro. Per non far crollare un castello di carte, in Italia si è scongiurato il Capo dello Stato di restare al suo posto, poi è scoppiata la polemica: per due anni, no per tre; ma chi l’ha detto? Per sette. Provvidenziale, la notizia della morte di Giulio Andreotti riempirà i palinsesti per qualche giorno. Le agenzie dicono che la notizia è stata la più importante del giorno. Oltre, beninteso, al conferimento di una laurea honoris causa a Mario Draghi. Abbiamo nostalgia di un grido: “Allegria!” (copyright Mike Bongiorno).

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in APERTURA

Il Teatro Officina delle Arti di Eduardo Tarsia

Crisi Teatri a Cosenza. Fabio Gallo: Officina delle Arti già digitalizzata e inserita nel MetaversoCOSENZA.

Redazione ComunicareITALIA19 giugno 2022
Il Teatro di Tradizione Alfonso Rendano di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza chiudono i Teatri. La politica ha le sue responsabilità. Il Rendano sia d’esempio

Fabio Gallo13 giugno 2022
Opera di Cornelia Parker

Arte, le mostre e gli eventi da non perdere quest’estate

Redazione ComunicareITALIA12 giugno 2022
MAB - Museo all'Aperto Bilotti

Roberto Bilotti a Cosenza ospite del Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA26 maggio 2022
Scorta Civica per Nicola Gratteri

Istituita la “Scorta Civica” per Nicola Gratteri. Venerdì il primo sit-in a Catanzaro.

Redazione ComunicareITALIA10 maggio 2022
Festival della Scienza - Liceo Scientifico "G. Berto" - Vibo Valentia

Il Festival della Scienza di Vibo invita Fabio Gallo ideatore di MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA29 aprile 2022
Fabio Gallo e Antonietta Cozza

Cosenza, Teatro Rendano: i Delegati Fabio Gallo e Antonietta Cozza incontrano dirigenti e funzionari del Comune

Redazione ComunicareITALIA28 aprile 2022
Biblioteca Nazionale di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza si torna a parlare di Cultura e Belle Arti senza perimetri

Redazione ComunicareITALIA14 aprile 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA l’immersione innovativa nei Beni Culturali piace all’Università e alla ricerca

Redazione ComunicareITALIA12 aprile 2022
Fabio Gallo-delegato dal Sindaco di Cosenza all'Ecosistema Digitale della Cultura

Ecosistema Digitale della Cultura. A Fabio Gallo la delega del Comune di Cosenza

Viviana Normando4 aprile 2022
Da sx: Fabio Gallo - Franz Caruso

Franz Caruso: Fabio Gallo all’Ecosistema Digitale della Cultura e Consulente del Sindaco per il Teatro

Redazione ComunicareITALIA1 aprile 2022
Teatro Alfonso Rendano - Foto Aerea di Mario Timpano

La “Paolo di Tarso” su comunicato stampa della Consigliera comunale di Cosenza Alessandra Bresciani

Redazione ComunicareITALIA25 marzo 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Redazione ComunicareITALIA19 marzo 2022
metaversocosenza-massimodebuono-fabiogallo-bncs

Grande successo per l’inaugurazione di MetaversoCOSENZA, Ecosistema Digitale della Cultura

Redazione ComunicareITALIA17 marzo 2022
MetaversoCOSENZA

La città di Cosenza ha il suo ecosistema digitale della Cultura. Si chiama MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA8 marzo 2022
Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti

Istituite le “Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti”. Martedì la sottoscrizione a Cosenza

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
arte-treccani

Il significato di “Arte” te lo spiega Treccani: “capacità di agire e di produrre…”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Baya Mahieddine

Arte.it, la Biennale d’Arte 2022 fucina “green” di una nuova umanità nel segno del “reincanto”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Gabriele Münter

A Berna un nuovo sguardo su Gabriele Münter, pioniera dell’Arte Moderna

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Cesare Tacchi

Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli, a cura di Daniela Bigi con l’Archivio Cesare Tacchi

Fabio Gallo20 febbraio 2022
fabio-gallo3

CIS Cosenza Centro Storico, Fabio Gallo: finalmente l’epilogo di una storia infinita.

Redazione ComunicareITALIA4 febbraio 2022
Belle Arti

Digitalizzazione, riparte “120Giorni della Belle Arti”. Se ne occuperà CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA31 dicembre 2021
150° anniversario dell'AIDA di Giuseppe Verdi

Teatro: 150° anniversario dell’AIDA. Il MiC celebra il capolavoro di Verdi

Redazione ComunicareITALIA27 dicembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Cosenza, successo per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla sicurezza della Città Storica e al PNRR

Redazione ComunicareITALIA18 dicembre 2021
Teatro Alfonso Rendano di Cosenza

Cosenza, Fabio Gallo: il Teatro Rendano tra abbandono, degrado e inciviltà. Mai più così. Appello al Sindaco

Redazione ComunicareITALIA1 dicembre 2021
Pontificio Seminario Romano Maggiore

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA26 novembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Digitalizzazione, Arte, Teatro, Beni Culturali: Fabio Gallo: adunanza per i nostri esperti

Redazione ComunicareITALIA13 novembre 2021
Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA31 ottobre 2021
CONNESSIONI-CentrodiAltaCompentenza

Inaugurazione Centro di Alta Competenza CONNESSIONI per la valorizzazione dei Beni Librari e Culturali

Redazione ComunicareITALIA28 ottobre 2021
Franz Caruso: un vero nuovo Stadio per Cosenza

Franz Caruso a ComunicareITALIA: il nostro Stadio sarà attrazione per lo Sport nazionale

Redazione ComunicareITALIA16 ottobre 2021