APERTURA

Francesco Cufari, Verde nelle Città: bene comune prezioso da curare con intelligenza

verde-alberi-agronomi

Dottori Agronomi e Forestali in Calabria parlano delle modalità del trattamento del Verde – bene comune – in Città

Urbanistica – verde pubblico – decoro – Calabria. La depressione non è un male che appartiene ai popoli del Mezzogiorno d’Italia in virtù della loro inclusione nella grande cultura mediterranea ove Sole, Mare e distese verdi sono per i cittadini una visione continua e rigeneratrice che le stagioni esercitano da sempre sull’essere umano. Questo, per quanto riguarda la vita all’aria aperta. In città, dobbiamo dire, che la carenza di cura per tutto quanto è destinato al “bene comune”, oltre a dimostrare anche una sopraggiunta e inattesa forma di carenza culturale, inizia a far sentire un’inversione di tendenza e quella depressione che un tempo era ben lungi dall’indole del meraviglioso popolo del Sud, aleggia oggi per le strade di città ove capita di vedere il verde completamente trascurato e gli alberi, come nel caso del comunicato emesso dall’Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali della provincia di Cosenza , mutilati come se la loro potatura sia più utile a fare legna che a dare senso al “verde” per rendere più vivibile il cemento delle città sempre più caotiche e disordinate.

A cura di Francesco Cufari/

Fra gli obiettivi che si prefiggono le amministrazioni comunali in ambito urbanistico leggiamo spesso quelli di una: “Maggiore fruizione delle aree a verde pubblico. Riconoscere a queste, oltre che un valore estetico e paesaggistico, anche un importante ruolo per il miglioramento sociale e qualitativo delle condizioni di vita dei cittadini. Ottimizzare e incrementare queste aree del territorio comunale per scopi ricreativi, culturali, didattici e sportivi”. Tutto ciò si dovrebbe tradurre nell’elaborazione di un Piano di utilizzo delle aree a verde attrezzato e comunque, di conseguenza, nella realizzazione di un Piano di gestione e manutenzione del verde pubblico, di cui, ad oggi, solo poche città sono dotate.

In questi giorni, però, arrivano da più comuni della provincia di Cosenza, diverse segnalazioni da parte di colleghi Agronomi e Forestali, dello scempio che si sta perpetuando sulle alberature urbane di diversi comuni. Vengono, infatti, effettuati su molti filari di alberi, tagli cesori ingiustificati che deturpano intere zone a verde, precedentemente ben sviluppate dal punto di vista paesaggistico.

Per prima cosa si tratta di un danno economico perché si rovinano gli alberi e quindi si dovrà nuovamente e celermente intervenire se si vorrà salvare queste piante, ma ben presto diventerà anche un problema di sicurezza. I rami inseriti su quel taglio fra qualche anno saranno deboli e potranno rompersi più facilmente. Non si comprende come mai, vista l’imprescindibile necessità di mantenerne la sicurezza, alberi giovani e sani siano orribilmente mutilati, con tagli a capitozzo di elevato diametro, causando un ingente danno ambientale, paesaggistico ed economico. I danni derivanti dalla capitozzatura e i fenomeni di deterioramento collegati sono ormai noti a tutti i professionisti che applicano le più consolidate e moderne tecniche di potatura e sono dimostrati da numerosi studi scientifici nazionali ed internazionali.

La capitozzatura di un albero rappresenta quell’intervento di potatura che prevede l’asportazione completa o quasi di tutta la sua vegetazione, con rami, rametti e foglie. È un’operazione decisamente radicale e il risultato non è certo bello da vedere.

Questo tipo di intervento crea problemi funzionali sulla vita dell’albero, unico essere vivente capace di produrre da solo il suo cibo grazie alla fotosintesi nelle foglie. Se togliamo, infatti, tutte le foglie, l’albero non si nutre più perché non riesce a riformare la sua chioma nell’anno in cui è stato capitozzato, e quindi si indebolisce, prende più facilmente malattie e comincia a diventare instabile. Si determinerà uno squilibrio nel rapporto tra radici e chioma: nell’albero così mutilato, tutte le radici di ancoraggio, le più grosse, non essendo ritenute più utili non saranno più nutrite. Inoltre reagirà al taglio creando velocemente nuovi rami non saldamente innestati nel tronco (le gemme vengono emesse tutte insieme e crescono veloci quindi sono più fragili). Nell’arco di 3-5 anni l’albero ricostituirà si la chioma, ma non avrà più il necessario ancoraggio e questa sarà disordinata e sbilanciata: tutto ciò mina pesantemente la stabilità della pianta. In città questo è molto pericoloso e anche molto costoso. Quando cadrà, sperando che nessuno si faccia male, ci potranno essere dei danni, bisognerà sostenere costi per la rimozione e per tutto il lavoro e il tempo necessario a ripiantarne un altro che, presumibilmente poi, farà la stessa fine…

Gli alberi in città andrebbero quindi manutenuti attraverso l’esecuzione di piccoli interventi leggeri ogni due anni, tagliando al massimo il 20% della chioma, in modo che mantengono la forma naturale. Questi cresceranno sani e forti e i filari, con questo tipo di intervento, rimarranno splendidi e saldi per parecchi anni.

A conclusione di questa disamina della situazione, l’Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali della provincia di Cosenza si auspica l’incentivazione di forme di collaborazione per il raggiungimento degli obiettivi di comune interesse in considerazione delle competenze e peculiarità della professione ben declinate nell’Ordinamento professionale. Sarebbe importante e utile l’istituzione di un tavolo di confronto tra esperti del settore, tra qualificati arboricoltori, associazioni per la tutela territorio e dell’ambiente ed istituzioni. Noi professionisti dottori agronomi e dottori forestali potremo mettere così a disposizione le nostre esperienze e professionalità per supportare le amministrazioni comunali in modo da condividere un corretto modello di pianificazione della gestione del patrimonio a verde del nostro territorio e arrivare all’elaborazione di un regolamento del verde che vada a colmare eventuali lacune normative. Inoltre tale pianificazione si rende necessaria al fine di interrompere il perpetuarsi di tutte quelle decisioni errate che da tempo vengono fatte nella progettazione del verde pubblico delle città facendo in modo che “l’albero giusto al posto giusto” non sia solo una bellissima frase poetica.

Francesco Cufari
Presidente Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali della provincia di Cosenza

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in APERTURA

Il Teatro Officina delle Arti di Eduardo Tarsia

Crisi Teatri a Cosenza. Fabio Gallo: Officina delle Arti già digitalizzata e inserita nel MetaversoCOSENZA.

Redazione ComunicareITALIA19 giugno 2022
Il Teatro di Tradizione Alfonso Rendano di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza chiudono i Teatri. La politica ha le sue responsabilità. Il Rendano sia d’esempio

Fabio Gallo13 giugno 2022
Opera di Cornelia Parker

Arte, le mostre e gli eventi da non perdere quest’estate

Redazione ComunicareITALIA12 giugno 2022
MAB - Museo all'Aperto Bilotti

Roberto Bilotti a Cosenza ospite del Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA26 maggio 2022
Scorta Civica per Nicola Gratteri

Istituita la “Scorta Civica” per Nicola Gratteri. Venerdì il primo sit-in a Catanzaro.

Redazione ComunicareITALIA10 maggio 2022
Festival della Scienza - Liceo Scientifico "G. Berto" - Vibo Valentia

Il Festival della Scienza di Vibo invita Fabio Gallo ideatore di MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA29 aprile 2022
Fabio Gallo e Antonietta Cozza

Cosenza, Teatro Rendano: i Delegati Fabio Gallo e Antonietta Cozza incontrano dirigenti e funzionari del Comune

Redazione ComunicareITALIA28 aprile 2022
Biblioteca Nazionale di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza si torna a parlare di Cultura e Belle Arti senza perimetri

Redazione ComunicareITALIA14 aprile 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA l’immersione innovativa nei Beni Culturali piace all’Università e alla ricerca

Redazione ComunicareITALIA12 aprile 2022
Fabio Gallo-delegato dal Sindaco di Cosenza all'Ecosistema Digitale della Cultura

Ecosistema Digitale della Cultura. A Fabio Gallo la delega del Comune di Cosenza

Viviana Normando4 aprile 2022
Da sx: Fabio Gallo - Franz Caruso

Franz Caruso: Fabio Gallo all’Ecosistema Digitale della Cultura e Consulente del Sindaco per il Teatro

Redazione ComunicareITALIA1 aprile 2022
Teatro Alfonso Rendano - Foto Aerea di Mario Timpano

La “Paolo di Tarso” su comunicato stampa della Consigliera comunale di Cosenza Alessandra Bresciani

Redazione ComunicareITALIA25 marzo 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Redazione ComunicareITALIA19 marzo 2022
metaversocosenza-massimodebuono-fabiogallo-bncs

Grande successo per l’inaugurazione di MetaversoCOSENZA, Ecosistema Digitale della Cultura

Redazione ComunicareITALIA17 marzo 2022
MetaversoCOSENZA

La città di Cosenza ha il suo ecosistema digitale della Cultura. Si chiama MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA8 marzo 2022
Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti

Istituite le “Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti”. Martedì la sottoscrizione a Cosenza

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
arte-treccani

Il significato di “Arte” te lo spiega Treccani: “capacità di agire e di produrre…”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Baya Mahieddine

Arte.it, la Biennale d’Arte 2022 fucina “green” di una nuova umanità nel segno del “reincanto”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Gabriele Münter

A Berna un nuovo sguardo su Gabriele Münter, pioniera dell’Arte Moderna

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Cesare Tacchi

Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli, a cura di Daniela Bigi con l’Archivio Cesare Tacchi

Fabio Gallo20 febbraio 2022
fabio-gallo3

CIS Cosenza Centro Storico, Fabio Gallo: finalmente l’epilogo di una storia infinita.

Redazione ComunicareITALIA4 febbraio 2022
Belle Arti

Digitalizzazione, riparte “120Giorni della Belle Arti”. Se ne occuperà CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA31 dicembre 2021
150° anniversario dell'AIDA di Giuseppe Verdi

Teatro: 150° anniversario dell’AIDA. Il MiC celebra il capolavoro di Verdi

Redazione ComunicareITALIA27 dicembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Cosenza, successo per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla sicurezza della Città Storica e al PNRR

Redazione ComunicareITALIA18 dicembre 2021
Teatro Alfonso Rendano di Cosenza

Cosenza, Fabio Gallo: il Teatro Rendano tra abbandono, degrado e inciviltà. Mai più così. Appello al Sindaco

Redazione ComunicareITALIA1 dicembre 2021
Pontificio Seminario Romano Maggiore

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA26 novembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Digitalizzazione, Arte, Teatro, Beni Culturali: Fabio Gallo: adunanza per i nostri esperti

Redazione ComunicareITALIA13 novembre 2021
Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA31 ottobre 2021
CONNESSIONI-CentrodiAltaCompentenza

Inaugurazione Centro di Alta Competenza CONNESSIONI per la valorizzazione dei Beni Librari e Culturali

Redazione ComunicareITALIA28 ottobre 2021
Franz Caruso: un vero nuovo Stadio per Cosenza

Franz Caruso a ComunicareITALIA: il nostro Stadio sarà attrazione per lo Sport nazionale

Redazione ComunicareITALIA16 ottobre 2021