APERTURA

Bulgari: le monete che raccontano i volti della sua storia

APERTURA
Bulgari su ComunicareITALIA.IT

Bulgari su ComunicareITALIA.IT

La famiglia di gioiellieri italiani Bulgari (il marchio è invece BVLGARI) fu fondata a Roma dall’argentiere greco originario dei monti dell’Epiro Sotìris Voùlgaris (in greco: Σωτήρης Βούλγαρης) nel 1884. Famosi per i loro argenti ad inizio secolo scorso nei primi del novecento sviluppano disegni di gioielli. Il nome “Bulgari” è un adattamento del cognome del fondatore.

La famiglia di gioiellieri Bulgari ha origine da un’antica dinastia proveniente da un piccolo villaggio dell’Epiro, Kalarites[1], dove il capostipite, Sotirios,[2] produceva oggetti in argento. Sotirio decise di abbandonare l’Epiro viaggiando fino in Italia dove la voglia di modernita’ e la tradizione la rendevano ai suoi occhi un mondo nuovo. La prima tappa du Napoli, 1881; grazie al suo estro ed alla magnifica fattura dei suoi oggetti il suo successo non tardo’ ad apprestarsi ma un furto improvviso avvenuto nottetempo lo destino’a trasferirsi a Roma nel 1884, anno che ad oggi e’ riconosciuto come l’ anno di fondazione del marchio. Non ebbe nulla per poter aprire un proprio negozio, o bottega come si diceva al tempo, e pertanto assieme al suo socio di allora, Demetrio Kremos pote’ esporre le sue creazioni all’ interno di una gioielleria di via Sistina.

Il successo ed il gradimento della clientela hanno fatto si che Sotirio, deciso di affrontare la sua avventura imprenditoriale da solo, pote’ aprire pochi anni dopo la sua prima boutique in via Sistina, poi aprendo nel 1895 Via Condotti ma al 28. Lo storico negozio ancor oggi simbolo del marchio venne aperto nel 1905 al n 10. La particolare insegna del negozio fa capire come Sotirio fosse orientato verso le piu’ moderne tecniche di marketing, avendo chiamato il negozio Old Curiosity Shop. Ispirandosi al romanzo di Charles Dickens aveva intuito che cio avrebbe portato benestanti clienti anglosassoni e nobili a vedere le sue creazioni. Tuttavia Sotirio capi che il fulcro del marchio non potevano rimanere le creazioni in argento e pertanto nacque l’interesse di sviluppare prodotti di qualità’ e preziosità’ ancor maggiori.

Nei primi anni del ventesimo secolo si poté’ notare un notevole cambiamento a partire dall’ impronta delle vetrine esterne meno affollate di oggetti per dar risalto alle creazioni. Ispirandosi a grandi gioiellieri di allora specialmente parigini, creo’ oggetti in platino, smeraldi,diamanti di altissima fattura e scomponibili, alcuni di essi prevedevano collane che potessero trasformarsi in due bracciali o spille che potevano divenire pendenti. Anche i negozi vennero ridotti in modo da dare al negozio di Roma maggior visibilità’ e renderlo il polo centrale dove venivano curati tutti gli aspetti dalla creazione alla vendita.

Dei numerosi figli di Sotirio e Elena due in particolare seguirono le orme del padre; Giorgio e Costantino. Il primo aveva senza dubbio un’impronta imprenditoriale di alto livello mentre Costantino era un profondo conoscitore di oggetti antichi, gioielli ed argenti; un binomio che non tardo’ a portare i suoi frutti. Dopo la scomparsa di Sotirio nel 1932 i figli decisero di espandere il negozio di Roma inaugurandolo nuovamente nel 1934 dopo una lavorazione ad opera della Ditta Medici che ancor oggi rappresenta lo stile della boutique. A dispetto della crisi economica degli anni 30 e della seconda Guerra Mondiale l’ azienda continuo’ la sua produzione anche se molto limitata nell approvvigionamento di materie preziose. nel secondo dopoguerra Bulgari iniziò nuovamente una produzione di alto livello ispirandosi a temi greci e romani e Giorgio assunse pienamente il controllo della gioielleria per permettere a Costantino ricerche su orafi italiani ed argentieri. Le sue pubblicazioni infatti in materia sono ancor oggi un riferimento per tutti gli appassionati del settore.

La scomparsa di Giorgio nel 1966 fu una grande perdita per la famiglia, i dipendenti e tutti coloro che frequentavano il negozio di Via de Condotti. Alla sua scomparsa la terza generazione già’ era pienamente addentrata nel business di famiglia, Gianni, Paolo e Nicola avevano già’ dato la loro impostazione che tuttora caratterizza il marchio.

L’espansione del marchio Bulgari avviene negli anni ’70, quando vengono aperti i negozi di New York, Parigi, Monte Carlo, Ginevra

Nel 1975 Bulgari dona un orologio in oro ai suoi più affezionati clienti, dallo stile semplice ed unico con un doppio logo sulla lunetta; apprezzato e dall’immediato successo, ne segue la produzione destinata alla vendita. Nasceva così il “BVLGARI BVLGARI”, conosciuto anche come BB. L’orologio nasce nel periodo in cui Bulgari fonda il Bulgari Time Neuchatel, ramo dell’azienda destinato a produrre l’intera linea di orologi.

Nel 1993 Bulgari entra definitivamente nel mondo del profumo, e nel 2007 nel mondo della cosmesi. Nel 1998 Bulgari lancia la linea di accessori in cuoio e la linea di occhiali. Dal 2001 Bulgari ha creato anche una catena di alberghi e resorts, Bulgari Hotels & Resorts.

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in APERTURA

Il Teatro Officina delle Arti di Eduardo Tarsia

Crisi Teatri a Cosenza. Fabio Gallo: Officina delle Arti già digitalizzata e inserita nel MetaversoCOSENZA.

Redazione ComunicareITALIA19 giugno 2022
Il Teatro di Tradizione Alfonso Rendano di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza chiudono i Teatri. La politica ha le sue responsabilità. Il Rendano sia d’esempio

Fabio Gallo13 giugno 2022
Opera di Cornelia Parker

Arte, le mostre e gli eventi da non perdere quest’estate

Redazione ComunicareITALIA12 giugno 2022
MAB - Museo all'Aperto Bilotti

Roberto Bilotti a Cosenza ospite del Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA26 maggio 2022
Scorta Civica per Nicola Gratteri

Istituita la “Scorta Civica” per Nicola Gratteri. Venerdì il primo sit-in a Catanzaro.

Redazione ComunicareITALIA10 maggio 2022
Festival della Scienza - Liceo Scientifico "G. Berto" - Vibo Valentia

Il Festival della Scienza di Vibo invita Fabio Gallo ideatore di MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA29 aprile 2022
Fabio Gallo e Antonietta Cozza

Cosenza, Teatro Rendano: i Delegati Fabio Gallo e Antonietta Cozza incontrano dirigenti e funzionari del Comune

Redazione ComunicareITALIA28 aprile 2022
Biblioteca Nazionale di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza si torna a parlare di Cultura e Belle Arti senza perimetri

Redazione ComunicareITALIA14 aprile 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA l’immersione innovativa nei Beni Culturali piace all’Università e alla ricerca

Redazione ComunicareITALIA12 aprile 2022
Fabio Gallo-delegato dal Sindaco di Cosenza all'Ecosistema Digitale della Cultura

Ecosistema Digitale della Cultura. A Fabio Gallo la delega del Comune di Cosenza

Viviana Normando4 aprile 2022
Da sx: Fabio Gallo - Franz Caruso

Franz Caruso: Fabio Gallo all’Ecosistema Digitale della Cultura e Consulente del Sindaco per il Teatro

Redazione ComunicareITALIA1 aprile 2022
Teatro Alfonso Rendano - Foto Aerea di Mario Timpano

La “Paolo di Tarso” su comunicato stampa della Consigliera comunale di Cosenza Alessandra Bresciani

Redazione ComunicareITALIA25 marzo 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Redazione ComunicareITALIA19 marzo 2022
metaversocosenza-massimodebuono-fabiogallo-bncs

Grande successo per l’inaugurazione di MetaversoCOSENZA, Ecosistema Digitale della Cultura

Redazione ComunicareITALIA17 marzo 2022
MetaversoCOSENZA

La città di Cosenza ha il suo ecosistema digitale della Cultura. Si chiama MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA8 marzo 2022
Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti

Istituite le “Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti”. Martedì la sottoscrizione a Cosenza

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
arte-treccani

Il significato di “Arte” te lo spiega Treccani: “capacità di agire e di produrre…”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Baya Mahieddine

Arte.it, la Biennale d’Arte 2022 fucina “green” di una nuova umanità nel segno del “reincanto”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Gabriele Münter

A Berna un nuovo sguardo su Gabriele Münter, pioniera dell’Arte Moderna

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Cesare Tacchi

Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli, a cura di Daniela Bigi con l’Archivio Cesare Tacchi

Fabio Gallo20 febbraio 2022
fabio-gallo3

CIS Cosenza Centro Storico, Fabio Gallo: finalmente l’epilogo di una storia infinita.

Redazione ComunicareITALIA4 febbraio 2022
Belle Arti

Digitalizzazione, riparte “120Giorni della Belle Arti”. Se ne occuperà CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA31 dicembre 2021
150° anniversario dell'AIDA di Giuseppe Verdi

Teatro: 150° anniversario dell’AIDA. Il MiC celebra il capolavoro di Verdi

Redazione ComunicareITALIA27 dicembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Cosenza, successo per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla sicurezza della Città Storica e al PNRR

Redazione ComunicareITALIA18 dicembre 2021
Teatro Alfonso Rendano di Cosenza

Cosenza, Fabio Gallo: il Teatro Rendano tra abbandono, degrado e inciviltà. Mai più così. Appello al Sindaco

Redazione ComunicareITALIA1 dicembre 2021
Pontificio Seminario Romano Maggiore

Le mura vaticane si aprono a “Connessioni”, il Centro di Alta Competenza di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA26 novembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Digitalizzazione, Arte, Teatro, Beni Culturali: Fabio Gallo: adunanza per i nostri esperti

Redazione ComunicareITALIA13 novembre 2021
Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Cultura e Beni Culturali, successo per il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI di Cosenza

Redazione ComunicareITALIA31 ottobre 2021
CONNESSIONI-CentrodiAltaCompentenza

Inaugurazione Centro di Alta Competenza CONNESSIONI per la valorizzazione dei Beni Librari e Culturali

Redazione ComunicareITALIA28 ottobre 2021
Franz Caruso: un vero nuovo Stadio per Cosenza

Franz Caruso a ComunicareITALIA: il nostro Stadio sarà attrazione per lo Sport nazionale

Redazione ComunicareITALIA16 ottobre 2021