APERTURA

A Roma GUS, ASR, ODG insieme verso le nuove frontiere dell’informazione

giornalismo-comunicareitalia

A Roma GUS, ASR, ODG insieme verso le nuove frontiere dell’informazione

“Le nuove frontiere dell’informazione, il sindacato, i pubblicisti, le regole e la deontologia”. Questo il tema del convegno organizzato dal Gruppo Unitario Pubblicisti di Stampa Romana e dal Gus Romano indetto per Venerdì 8 marzo 2013, a Roma, alle ore 10, presso la sala dei Dioscuri, in via Piacenza 1.

LA SCALETTA DEI LAVORI

La scaletta dei lavori è la seguente: Saluti; intervento del Segretario dell’Associazione della Stampa Romana, Paolo Butturini; saluti ed intervento del vice presidente del Consiglio nazionale dell’ordine dei Giornalisti, Enrico Paissan; relazione del Consigliere nazionale della Fnsi – Sindacato Unitario dei Giornalisti Italiani e vice segretario dell’A.S.R. – Associazione Stampa Romana Gino Falleri; relazione del Cons. Giuseppe Cricenti, giudice del Tribunale civile di Roma; intervento dell’avv. Nota Cerasi, consigliere nazionale dell’ordine dei giornalisti; intervento della dott.ssa Viviana Normando; relazione del Cons. Donatella Salari, giudice del Tribunale civile di Roma; relazione del Cons. Riccardo Rosetti, giudice del Tribunale di Roma.

Troppo spesso, per non dire abitualmente, si confondono gli ambiti di azione e di interazione tra politica, giustizia, istituzioni, relative sedi preposte e competenze, per moda, per cavalcare l’onda anomala della cronaca, per  superficialità, gusto del poco rispetto proprio delle professionalità. Un processo che si determina in maniera inequivocabile soprattutto a partire dal delicato ruolo dell’informazione, comunicazione, formazione, le cui parole possono giungere distorte o strumentalizzate, la cui acquisizione dati deve giustificare fini e mezzi, dalla sorgente alla diffusione.

Lo scopo etico che deve avere necessariamente la comunicazione è insito sic et simpliciter nel concetto stesso di deontologia professionale del giornalista.

IL GIORNALISMO INSOSTITUIBILE STRUMENTO DI CRESCITA PER LA SOCIETA’

Ce lo ricordano i testi realizzati dal Centro di Documentazione Giornalistica tra cui “M. Partilo, a cura di, la deontologia del giornalista, 2009” una raccolta di comunicatori autorevoli dedicata al giornalismo come insostituibile strumento per la crescita della società. La comunicazione rappresenta infatti un reindirizzamento della collettività, nella strada da perseguire insieme, senza prendere vie traverse. Un cammino che passa per i canoni della verità, della correttezza e del rispetto delle persone, istituzioni, competenze professionali, di tutti quei valori che così bene ci hanno insegnato i nostri padri.

E’ anche a tal fine, per il perseguimento dello scopo di comunicazione etica, che dall’incontro di un gruppo di giovani è stato costituito il Gruppo Comunicare Italia. Tra le variegate competenze dei redattori del Gruppo editoriale, promotore del Brand Italia e made in Italy in rete, anche giornalisti pubblicisti “il prezioso tessuto connettivo ed efficace da preservare” come dice sempre e scrive Gino Falleri, ad esempio, nel suo libro “L’addetto stampa professionista della comunicazione, 2012”. Giovani pubblicisti di Comunicare Italia, a partire dal Direttore Responsabile Viviana Normando, alcuni altri ideatori dovrebbero esserlo ad honorem, monitorano continuamente la rete, il dizionario degli anni presenti e a venire, utile per avere notizie in tempo reale su tutto e tutti, affinchè nei settori cui si riferiscono, la rete stessa non distorca concetti basilari, non solo per il nostro Paese ma per l’umanità.

Significativo ricordare le parole di Indro Montanelli, scritte ne “Il dover essere del giornalista oggi”, 1989 e che riassumono in calce il senso del rapporto tra deontologia, regole e informazione.

“La deontologia professionale – asserta Montanelli – sta racchiusa in gran parte, se non per intero, in questa semplice e difficile parola: onestà. E’ una parola che non evita errori: essi fanno parte del nostro lavoro. Perché è un lavoro che nasce dall’immediato e dà i suoi risultati a tambur battente. Ma evita le distorsioni maliziose quando non addirittura malvage, le furbe strumentalizzazioni, gli asservimenti e le discipline di fazione o di clan di partito. Gli onesti sono refrattari alle opinioni di schieramento – che prescindono da ogni valutazione personale – alle pressioni autorevoli, alle mobilitazioni ideologiche. Non è che siano indifferenti all’ideologia, e insensibili alla necessità, in determinati momenti, di scegliere con chi e contro chi stare. Ma queste considerazioni non prevalgono mai sulla propria autonomia di giudizio. Un giornalista che si attenga a questa regoletta in apparenza facile facile potrà senza dubbio sbagliare, ma da galantuomo. Gli sbagli generosi devono essere riparati, ma non macchiano chi li ha compiuti: sono gli altri, gli sbagli del servilismo e del carrierismo – che poi sbagli non sono, ma intenzionali stilettate – quelli che sporcano”.

Tali parole sono perfette come risposta a chi chiede: “Ma cosa vuol dire comunicazione etica?”, memento Indro Montanelli. Prima, nel 1989, agli albori dell’Europa!, veniva definita comunicazione, una parola che in sé racchiudeva tutta la dignità degli argomenti e dei rapporti impostati sul dialogo e sulla diffusione delle corrette informazioni per far sapere, conoscere, migliorare i popoli. Oggi occorre inequivocabilmente fare una distinzione per tornare sulla retta via: Comunicazione etica. Incredibile ma vero.

C’è da ribadire che in nessuno dei due casi, né nella comunicazione né nella comunicazione etica, ripartizione che i più attualmente non fanno e a cui non pensano affatto, deve esserci il presupposto della responsabilità, che diviene sociale.

Il codice deontologico del giornalista e il miglior esempio di attività di comunicazione, indipendentemente dalla paura del carcere oppure no!, è un solco di responsabilità a cui tutti abbiamo il dovere di attenerci per invertire la tendenza, quella rotta alla distorsione del linguaggio, un riflesso, falso, della verità.

E’ anche l’errata interazione tra politica, giustizia, istituzioni per il tramite della comunicazione malsana, che ha quasi azzerato, ad esempio, il senso dello Stato, che ha cambiato il significato dei ruoli pregnanti della massa, i punti fermi, un risultato ben più grave dello scadimento del mestiere del giornalista.

Perché è la verità che porta a scelte giuste per l’individuo e per tutti, mentre la l’infondatezza, la slealtà, la disonestà non possono che indurre all’inganno e a perseguire opzioni sbagliate.

ComunicareITALIA: GRAZIE A GINO FALLERI

Si ringrazia di cuore Gino Falleri per la sua preziosa attività a favore dei pubblicisti e per avere predisposto l’intervento di Viviana Normando, Direttore del Gruppo Editoriale di Rete Comunicare Italia, in una giornata formativa tra Giornalisti Uffici Stampa, Associazione Stampa Romana, Ordine Nazionale dei Giornalisti Nazionale e nello specifico del Lazio e Molise, in occasione della festa della donna, fonte di vita come lo è la comunicazione corretta non per una sola vita ma per molte altre.

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in APERTURA

biblioteca civica, cosenza, pierfranco bruni

Biblioteca Civica di Cosenza chiude. Al Ministro Franceschini lo scritto di Pierfranco Bruni

Redazione ComunicareITALIA5 agosto 2017
Roberto Medicino: I Deserti dell'Anima

Il premio “Diego Velázquez” all’artista cosentino Roberto Mendicino.

Redazione ComunicareITALIA5 luglio 2017
Bandiera dell'Europa, francescomaria tuccillo

Francescomaria Tuccillo a Brescia: “Cambiare l’Italia per cambiare l’Europa”

Fabio Gallo12 giugno 2017
Basilica romana di San Marco Evangelista

Al Vicario di Papa Francesco Angelo De Donatis l’augurio della “Paolo di Tarso”

Fabio Gallo30 maggio 2017
Angelo ventimiglia-magna graecia-arte

Angelo Ventimiglia: artista di talento ritrova il Tempo che fu della Bellezza

Redazione ComunicareITALIA13 maggio 2017
Biennale Dieta Mediterranea - alcuni dei sottoscrittori del Manifesto Costituente

La Dieta Mediterranea e i Diritti Umani al Cibo Sano hanno la loro Biennale. Sottoscritta la Costituente

Fabio Gallo28 aprile 2017
castello corigliano dotranto biennale

La Costituente della Biennale della Dieta Mediterranea a Corigliano D’Otranto in Puglia

Redazione ComunicareITALIA16 aprile 2017
cetraro, bellezza del sacro,patrimonio culturale

Cetraro “Eterna Bellezza” presenta la Digitalizzazione del suo Patrimonio Culturale: un Capolavoro!

Redazione ComunicareITALIA31 marzo 2017
Da Sx l’Ambasciatrice di Malta, Vanessa Frazier, rappresentante permanente al WFP e il Direttore Esecutivo del World Food Programme Ertharin Cousin 
Photo: WFP/Giulio d’Adamo

L’APP della Dieta Mediterranea “MDiet” nella sede centrale del World Food Programme (PAM – Programma Alimentare Mondiale)

Redazione ComunicareITALIA15 marzo 2017
giorgio-benvenuto

Nasce il progetto “Articolo 1”: l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro.

Redazione ComunicareITALIA7 marzo 2017
vanessa frazier - dieta mediterranea - malta - italia

APP della Dieta Mediterranea alla FAO con il sostegno del Governo Maltese ad una Rete Internazionale

Redazione ComunicareITALIA5 febbraio 2017
biennale-diritti umani-cibo sano-pace

Dieta Mediterranea: lo scienziato Alberto Fidanza; io c’ero. Ora, la Memoria della “vera verità”

Redazione ComunicareITALIA24 gennaio 2017
Da sx: Mariella Russo, Nico D'Ascola Presidente Commissione Giustizia del Senato, Adriana Musella

Premio Giorgio Ambrosoli ad Adriana Musella e Mariella Russo dell’Università Antimafia di Limbadi

Redazione ComunicareITALIA16 gennaio 2017
silvia-lanzafame-sandra-giudiceandrea

Diritti Umani all’apprendimento: in Calabria apre il Laboratorio Specialistico AID

Redazione ComunicareITALIA16 dicembre 2016
Silvia Lanzafame - dislessia-aid

Silvia Lanzafame: a Rossano apre Sportello AID. La Dislessia ha il suo sostegno al “Majorana”

Redazione ComunicareITALIA28 novembre 2016
diritti umani

Diritti Umani e Diritti dei Bambini: con INPEF la “Paolo di Tarso” per la Bandiera della Pace

Redazione ComunicareITALIA22 ottobre 2016
Fabio Gallo

Fabio Gallo al giovane calabrese offeso da Oliviero Toscani: vorrei fare una foto con te

Redazione ComunicareITALIA21 ottobre 2016
associazione-nazionale-sociologi-calabria

Francesco Rao indica ai Sociologi la BIENNALE dei Diritti Umani al Cibo Sano

Redazione ComunicareITALIA15 ottobre 2016
Settimana Nazionale della Dislessia Cosenza

Dislessia: prende vita a Cosenza la 1° Edizione della Settimana Nazionale

Redazione ComunicareITALIA30 settembre 2016
padre francesco marinelli correttore generale ordine dei minimi

Dal Santuario di San Francesco di Paola nuovo ardore, nuovi metodi, nuove espressioni

Redazione ComunicareITALIA15 settembre 2016
Carlo Lucarelli tra i protagonisti del Film-Documentario

Film-Documentario “I due viaggi di Francesco, tra Storia e Culto”

Redazione ComunicareITALIA13 agosto 2016
Il Grande Concerto per la Pace e Dialogo Interreligioso in Calabria

Il Grande Successo del Concerto per la Pace in Calabria

Redazione ComunicareITALIA13 agosto 2016
Il Grande Concerto per la Pace e Dialogo Interreligioso in Calabria

300 Musicisti celebrano San Francesco di Paola in Calabria. Uniti per la Pace e il dialogo interreligioso

Redazione ComunicareITALIA8 agosto 2016
Uno dei graffiti di GraffArte di Luglio 2016 nella Città di Paola

Successo per GraffiArte a Paola. Un grande pesce rosso posa con i Turisti

Redazione ComunicareITALIA1 agosto 2016
Pippo Franco autore di “A Braccia Aperte” dedicato a San Francesco di Paola

“A braccia Aperte” l’Evento dello Spirito di Pippo Franco per i 600 Anni di S. Francesco

Redazione ComunicareITALIA18 luglio 2016
Talent F@ctory - Puglia

La Scuola che eccelle: 2 Milioni e Mezzo di Euro per Progetti innovativi in Puglia

Redazione ComunicareITALIA11 luglio 2016
dieta mediterranea- cibo sano

Dieta Mediterranea: il Colosso della Silicon Valley si congratula con l’App “Mdiet”

Redazione ComunicareITALIA22 giugno 2016
Fabio Gallo - Esperto di Gestione della Conoscenza

Fotografia e Intelligenza Connettiva per il Patrimonio Culturale in Calabria

Fabio Gallo14 giugno 2016
Padre-Gregorio-Colatorti-Mons.-Pietro-Amato

“Un popolo senza memoria non esiste”. Marinelli e Amato presentano due Volumi d’Arte

Redazione ComunicareITALIA28 maggio 2016
san-francesco-di-paola-volume-darte-pietro-amato

Presentazione dell’Opera “L’arte della santità. San Nicola Saggio di Longobardi” a cura di Mons. Amato

Redazione ComunicareITALIA22 maggio 2016