CULTURA

Spielberg, West Side Story? Il mio sogno a 10 anni

Steven Spielberg © ANSA/EPA

Steven Spielberg © ANSA/EPA

Il sogno dell’infanzia che si realizza, la voglia di raccontare ancora le divisioni del mondo, la paura di toccare una cosa sacra, ma anche l’esigenza di adattarla ai nostri tempi e, soprattutto, il desiderio di riproporre la lezione universale di quest’opera : queste alcune delle motivazioni che hanno spinto il premio Oscar Steven Spielberg a mettere mano a WEST SIDE STORY che sarà in sala il 23 dicembre con The Walt Disney Company Italia.
“Avevo dieci anni quando ho sentito per la prima volta il disco di West Side Story – dice Spielberg ieri in Global conference – .

E quella musica non se n’è mai andata davvero via dalla mia testa. Ora sono riuscito finalmente a portare a compimento quel sogno, a mantenere quella promessa che avevo fatto a me stesso, ovvero: Devi fare West Side Story”.
Ispirato al musical di Broadway del 1957 con libretto di Arthur Laurents, parole di Stephen Sondheim (recentemente scomparso) e musiche di Leonard Bernstein, WEST SIDE STORY divenne poi nel 1961 il film forse più rivoluzionario dell’universo musicale grazie a Robert Wise che, con questo lavoro, si portò a casa ben dieci Oscar.
Una sorta di Romeo e Giulietta nel West Side di New York, dove due gang si scontrano per il controllo del territorio in nome dell’odio razziale: ovvero i Jets e gli Sharks, rispettivamente indigeni e portoricani. Ma tra le due bande sboccia inaspettato l’amore tra Tony e la portoricana Maria, un amore grande è tragico proprio come quello shakespeariano.
Nel cast Ansel Elgort (Tony), Rachel Zegler (María), Ariana DeBose (Anita), David Alvarez (Bernardo), Mike Faist (Riff), Josh Andrés Rivera (Chino), Ana Isabelle (Rosalía), Corey Stoll (Tenente Schrank), Brian d’Arcy James (Agente Krupke) e Rita Moreno (unica attrice del film originale nel ruolo questa volta di Valentina, proprietaria del negozio in cui lavora Tony).
“È Romeo e Giulietta, ma è anche un’allegoria molto attuale di ciò che sta accadendo ai confini del nostro paese, dei sistemi americani che respingono chiunque non sia bianco. – dice Spielberg – . In questo nuovo WEST SIDE STORY i personaggi fanno e dicono cose che non facevano e non dicevano nel film originale del 1961: una cosa che deriva in gran parte dalla nostra determinazione di approfondire la storia e le vite reali di quei giovani abitanti di Lincoln Square e San Juan Hill, degli Sharks e dei Jets . In quel periodo, la comunità portoricana viveva principalmente tra la West 64th Street e la West 72nd Street. La storia vera di quella comunità è molto ricca e importante e volevamo approfondirla nella nostra versione di questo musical”.
Comunque per il regista questo è forse il film più arduo della sua carriera. “Prendere un capolavoro e rivisitarlo da un’altra prospettiva e con un’altra sensibilità, senza compromettere l’integrità di quella che è generalmente considerata la più grande partitura musicale mai scritta per il teatro, era qualcosa che faceva tremare i polsi. Ma sono convinto che le grandi storie debbano essere raccontate all’infinito, in parte anche per rispecchiare prospettive e periodi storici differenti”.
Per Tony Kushner, sceneggiatore e produttore esecutivo: “Non c’è proprio niente di datato nell’opera originale. La musica è adorabile e fantastica e sembra che tutto stia succedendo solo ora. Quindi non c’è niente di stonato o antiquato. Tutto tranne lo spagnolo, niente era detto in spagnolo, questa l’unica differenza (uno spagnolo tra l’altro – ha spiegato Spielberg – volutamente senza sottotitoli, un omaggio alla cultura ispanica e all’America oggi di fatto bilingue)”.
Ma Steven Spielberg ha ballato al ritmo di WEST SIDE STORY? “Certo che l’ho fatto – dice sorridendo – ma solo durante i tre mesi di prove, ma mai quando ho cominciato a girare. Allora non battevo neanche il piede, ero troppo concentrato sul monitor e su quello che stavamo facendo. Ma una cosa è certa mi sono sentito sul set più che un padre, una parte di quella straordinaria famiglia allargata”.

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in CULTURA

fabio-gallo-giuseppe-dippol

Fabio Gallo (Movimento NOI) a D’Ippolito (FI): grazie per la citazione lusinghiera. Ora, rispondete alla mia lettera in Consiglio. Così sarà politica.

Redazione ComunicareITALIA14 agosto 2022
Il tenore Federico Veltri

Fabio Gallo ospite del Summer Music Camp: “esperienza formativa di altissimo livello. Grazie a Federico Veltri”

Redazione ComunicareITALIA22 luglio 2022
Polo per la Digitalizzazione dei Beni Librari antichi e manoscritti

A Cosenza il Polo per la Digitalizzazione dei Beni Librari antichi e manoscritti

Fabio Gallo19 luglio 2022
officina-delle-arti-cosenza

Eduardo Tarsia in Commissione Cultura. Fabio Gallo: nell’Atene della Calabria i teatri non chiudono, aprono.

Redazione ComunicareITALIA16 giugno 2022
Bar di Milano

I bar della Milano Design Week 2022

Redazione ComunicareITALIA12 giugno 2022
Opera di Cornelia Parker

Arte, le mostre e gli eventi da non perdere quest’estate

Redazione ComunicareITALIA12 giugno 2022
comune-di-cosenza

La Commissione Cultura del Comune incontra MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA19 marzo 2022
Galleria d'Arte moderna e contemporanea di Bergamo

L’impermanenza, la connessione, la danza: ritorno alla GAMeC

Redazione ComunicareITALIA17 marzo 2022
Fabio Gallo

Fabio Gallo fulmina Carlo Tansi. Ecco la risposta

Redazione ComunicareITALIA4 marzo 2022
Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti

Istituite le “Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti”. Martedì la sottoscrizione a Cosenza

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
arte-treccani

Il significato di “Arte” te lo spiega Treccani: “capacità di agire e di produrre…”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Baya Mahieddine

Arte.it, la Biennale d’Arte 2022 fucina “green” di una nuova umanità nel segno del “reincanto”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Cesare Tacchi

Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli, a cura di Daniela Bigi con l’Archivio Cesare Tacchi

Fabio Gallo20 febbraio 2022
Centro di Alta Competenza Connessioni - Biblioteca Nazionale di Cosenza

Sicurezze delle Città e Antisismica. Domani l’evento di CONNESSIONI nella Biblioteca Nazionale

Redazione ComunicareITALIA15 dicembre 2021
ORDO MINIMORUM Mondo

Presto in rete il grande progetto digitale dell’ORDO MINIMORUM Mondo grazie a CARICAL.

Redazione ComunicareITALIA10 dicembre 2021
Museo del ninfeo, la Domus Aurea di Caligola

Nasce il Museo del ninfeo, la Domus Aurea di Caligola. Sull’Esquilino, in sede Enpam. Open day 30 e 31/10

Redazione ComunicareITALIA16 ottobre 2021
Carla Fracci nella Città della Pace ideata da Fabio Gallo - Basilica S. Maria degli Angeli e dei Martiri di Roma

Omaggio a Carla Fracci dal Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA27 maggio 2021
beato-giuseppe-toniolo-430x215

Premio Giuseppe Toniolo 2021: Sesta edizione per la rassegna di Pieve di Soligo

Redazione ComunicareITALIA26 febbraio 2021
Centro di Alta Competenza Connessioni - Biblioteca Nazionale di Cosenza

Beni Culturali, Cosenza: nasce il Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA19 dicembre 2020
iocrescodacasa, arte della rinascita, fabio gallo, italiaexcelsa, coronavirus

Smart Working: in rete “#IoCRESCOdaCasa. E’ l’Arte della Rinascita

Redazione ComunicareITALIA9 aprile 2020
Progetto Arte e Natura a Parco Bombarda di Martirano Lombardo in Calabria

Arte in Natura a Martirano Lombardo. L’Arte torna dove tutto è iniziato

Redazione ComunicareITALIA28 agosto 2019
lagreciamulticulturale

L’antica Grecia era multiculturale Una civiltà sbocciata da tanti semi.

Redazione ComunicareITALIA6 dicembre 2018
Museo Archeologico di Blanda - Tortora

Il Museo Archeologico dell’Antica Città di Blanda

Redazione ComunicareITALIA21 luglio 2018
Patrimonio Culturale Italiano

Fabio Gallo: entusiasta delle direttive del MiBACT e del dg Antonio Lampis

Redazione ComunicareITALIA17 gennaio 2018
cosenza-cristiana-gturismo

Franceschini finanzia la Città Storica di Cosenza grazie a progetto digitale cristiano

Redazione ComunicareITALIA19 dicembre 2017
roberto-mendicino-evidenza

Al Maestro Roberto Mendicino, il premio “I guerrieri di Riace”

Redazione ComunicareITALIA18 dicembre 2017
Il Maestro Gianluca Nava

Gianluca Nava: attività di restauro regala alla Cattedrale di Cosenza opera di Borremans

Redazione ComunicareITALIA3 maggio 2017
Fabio Gallo

Fabio Gallo: partita da Otranto la Digitalizzazione del Patrimonio Culturale della Puglia. Un dono ai Giovani per il lavoro

Fabio Gallo7 ottobre 2016
Cella San Francesco di Paola

Aperta la Cella nella quale San Francesco ha risorto il nipote

Redazione ComunicareITALIA22 maggio 2016
sacra-famiglia-maratta, arte

Giubileo della Misericordia: Museo Digitale valorizza Bellezza e Bontà

Redazione ComunicareITALIA10 gennaio 2016