TECH

Usare i social network fa male o bene?

social-network

Imparare ad utilizzare i Social Network senza essere Usati

Il mondo del web a velocità rapidissima sta sviluppando nuove modalità della comunicazione capaci di trasformare la vita di ogni giorno: con l’arrivo dei social la rivoluzione è totale anche in senso sociale oltre che personale. Ecco perché appare fondamentale iniziare a capire come utilizzare gli strumenti che la tecnologia offre grazie a un pizzico di intelligenza e buon senso. Se psicologi e studiosi si sono già pronunciati sui comportamenti a rischio emersi attraverso la moda del selfie, nata da pochissimo e già fortemente dibattuta, non mostra di essere in calo l’attenzione della comunità scientifica internazionale riguardo il fenomeno dei social network.

Nati come piattaforma d’aggregazione, ognuno possiede meccanismi differenti di funzionamento. Per esempio, su Twitter, che procede attraverso discussioni aperte e senza il bisogno di richieste d’amicizia, è più facile creare comunità e amicizie virtuali basati su interessi comuni e spunti offerti da politica, letteratura e libri, ecologia, amore. Viceversa in un social quale Facebook, lanciato nel 2004 e inizialmente progettato per gli studenti dell’Università di Harvard, risulta più immediato cercare persone conosciute e che magari negli anni si sono perse di vista, dunque muoversi in una cerchia di contatti già noti.

Secondo recenti statistiche risultano iscritti a Facebook oltre 27 milioni di italiani, di cui oltre la metà vi accede una o più volte al giorno: Facebook è una delle parole più cercate su Google in Italia, in posizione privilegiata persino rispetto i siti d’informazione. Questo significa che moltissime persone, fra cui impiegati e persone con accesso a un computer, iniziano la giornata leggendo gli aggiornamenti di un social network anziché consultare quotidiani e fonti d’informazione, al contrario di quanto succede, per esempio, in Gran Bretagna, dove ai primi posti dei siti più ricercati si situano news e argomenti d’attualità.

Seppure oggi i social possano servire anche per condividere link interessanti e notizie, siamo davvero sicuri di navigare in cerca di informazioni utili? Il problema legato ai social riguarda proprio questo: accanto a argomenti potenzialmente stimolanti, esiste un corollario di pettegolezzi, giochi e distrazioni in grado di far perdere drammaticamente di vista il passare del tempo. La tentazione al gossip è una vera e propria tendenza a cui talvolta risulta difficile sottrarsi, soprattutto se ci guardiamo intorno spinti dalla curiosità di avvistare l’ultima conquista dell’ex, i successi o le disavventure di un’amica che non vediamo da anni o le occupazioni delle persone che conosciamo. Frequentemente proliferano dichiarazioni d’amore (quasi sempre di cattivo gusto) ai reciproci partner e figli, cartoline da luoghi di vacanza brillanti, foto di famiglia sorridenti: si condividono decisamente meno, invece, questioni lavorative, svolte professionali, dubbi e ispirazioni sul futuro, passioni che al contrario potrebbero realmente ampliare la nostra rete di conoscenze.

Internet è uno strumento, come lo è del resto il televisore: siamo noi ad agire e scegliere. Quando ci affacciamo nel mondo del web come in un quartiere in cui guardare e essere guardati, commentiamo ciò che fanno gli altri, rimaniamo nella cerchia delle nostre amicizie e facciamo gossip finendo per ottenere solo una versione virtuale degli incontri che già realizziamo nella realtà di tutti i giorni. Diverso è l’approccio di chi si accosta alla rete mosso da una curiosità che è anzitutto ricerca ed espansione delle proprie passioni. Grazie ai social abbiamo la possibilità di dialogare con persone che si trovano dall’altra parte del globo, trovare nuovi stimoli e competenze per il nostro lavoro, creare un club virtuale di appassionati uniti da un hobby: tutto questo avviene grazie al web e alla nostra capacità di districarci dalle distrazioni cercando di indirizzare il tempo e l’attenzione.

Male e bene costituiscono due facce di una categoria legata a un giudizio, tuttavia la reale importanza di uno strumento si evince dal valore che noi stessi stessi gli attribuiamo: consumare in maniera intelligente i social significa imparare a nutrirsi con consapevolezza di ciò che realmente nutre la nostra ispirazione. Imparare a farlo sarà essenziale per costruire una rete di qualità, in grado di unire le persone, rendere più capillare l’informazione, abbattere le barriere e lottare per una cultura condivisa.

Fonte TGCom24

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in TECH

sandisk,storage,fotografia

Storage Foto e documenti personali in una cassaforte digitale lontana dalla rete e micro.

Redazione ComunicareITALIA10 gennaio 2016
milkmaid-software

The Milkmaid di Vermeer ispira Azienda Software

Redazione ComunicareITALIA14 aprile 2014
fibra-ottica-telecomitalia

Telecom Italia accelera con l’Internet super-veloce

Redazione ComunicareITALIA2 gennaio 2014
social-network-twigis

Arriva Twigis, il social network per i bambini

Alessandra Pellegrino26 settembre 2013
legge-gomma-internet-giovani

Internet: arriva “Legge Gomma” che cancella errori di gioventù

Redazione ComunicareITALIA25 settembre 2013
urlspia-urlm.it-falso-dati

URLSPIA.IT non è attendibile. Ne parla l’esperto

Redazione ComunicareITALIA1 settembre 2013
steve-ballmer-microsoft-internet-comunicareitalia

Microsoft, finisce l’era Ballmer: “Lascio entro 12 mesi”

Redazione ComunicareITALIA23 agosto 2013
google-guardia-di-finanza-tasse

Google e il Fisco: l’Italia si sta svegliando. Ma c’è molto di più..

Redazione ComunicareITALIA20 luglio 2013
bitcoin-moneta-virtuale

Bitcoin, lo sai che c’è una moneta virtuale già molto utilizzata?

Redazione ComunicareITALIA30 maggio 2013
warren-twitter

Twitter: «Warren c’è» E guadagna mille follower al minuto

Redazione ComunicareITALIA3 maggio 2013
chat, comunicareitalia

Spacciarsi per un’altra persona in chat è reato

Redazione ComunicareITALIA30 aprile 2013
Un Grande Progetto tutto ITALIA per salvare il Turismo

Opportunità per giovani Programmatori: da non perdere!

Redazione ComunicareITALIA13 luglio 2012
comunicareitalia

Presto Apple occhiali simili a Google

Redazione ComunicareITALIA7 luglio 2012
Una ricostruzione di 'British Bombe' il computer usato per decriptare i messaggi di Enigma - Bletchley Park museum (fonte Tom Yates)

I 100 anni di Alan Turing, padre dell’informatica

Redazione ComunicareITALIA24 giugno 2012
bufale-hoax

Le Bufale su Internet (hoax)

Redazione ComunicareITALIA28 marzo 2012
Unione Europea vieta filtri Copiryght

Pirateria: Europa vieta i filtri. Sono contrari alle leggi della Ue

Redazione ComunicareITALIA30 novembre 2011
quotidiani-nazionali-cartacei-addio

Quotidiani nazionali, addio ai cartacei: due italiani su tre preferiscono l’on line

Redazione ComunicareITALIA23 novembre 2011
Windows Vista

Windows Vista blocca pc: cosa sta succedendo?

Fabio Gallo24 novembre 2010
Stregati dall'E-Book

Stregati dall’Ebook: In Italia grandi gruppi surclassati dagli indipendenti

Manuel21 novembre 2010