APERTURA

Bulgari: le monete che raccontano i volti della sua storia

APERTURA
Bulgari su ComunicareITALIA.IT

Bulgari su ComunicareITALIA.IT

La famiglia di gioiellieri italiani Bulgari (il marchio è invece BVLGARI) fu fondata a Roma dall’argentiere greco originario dei monti dell’Epiro Sotìris Voùlgaris (in greco: Σωτήρης Βούλγαρης) nel 1884. Famosi per i loro argenti ad inizio secolo scorso nei primi del novecento sviluppano disegni di gioielli. Il nome “Bulgari” è un adattamento del cognome del fondatore.

La famiglia di gioiellieri Bulgari ha origine da un’antica dinastia proveniente da un piccolo villaggio dell’Epiro, Kalarites[1], dove il capostipite, Sotirios,[2] produceva oggetti in argento. Sotirio decise di abbandonare l’Epiro viaggiando fino in Italia dove la voglia di modernita’ e la tradizione la rendevano ai suoi occhi un mondo nuovo. La prima tappa du Napoli, 1881; grazie al suo estro ed alla magnifica fattura dei suoi oggetti il suo successo non tardo’ ad apprestarsi ma un furto improvviso avvenuto nottetempo lo destino’a trasferirsi a Roma nel 1884, anno che ad oggi e’ riconosciuto come l’ anno di fondazione del marchio. Non ebbe nulla per poter aprire un proprio negozio, o bottega come si diceva al tempo, e pertanto assieme al suo socio di allora, Demetrio Kremos pote’ esporre le sue creazioni all’ interno di una gioielleria di via Sistina.

Il successo ed il gradimento della clientela hanno fatto si che Sotirio, deciso di affrontare la sua avventura imprenditoriale da solo, pote’ aprire pochi anni dopo la sua prima boutique in via Sistina, poi aprendo nel 1895 Via Condotti ma al 28. Lo storico negozio ancor oggi simbolo del marchio venne aperto nel 1905 al n 10. La particolare insegna del negozio fa capire come Sotirio fosse orientato verso le piu’ moderne tecniche di marketing, avendo chiamato il negozio Old Curiosity Shop. Ispirandosi al romanzo di Charles Dickens aveva intuito che cio avrebbe portato benestanti clienti anglosassoni e nobili a vedere le sue creazioni. Tuttavia Sotirio capi che il fulcro del marchio non potevano rimanere le creazioni in argento e pertanto nacque l’interesse di sviluppare prodotti di qualità’ e preziosità’ ancor maggiori.

Nei primi anni del ventesimo secolo si poté’ notare un notevole cambiamento a partire dall’ impronta delle vetrine esterne meno affollate di oggetti per dar risalto alle creazioni. Ispirandosi a grandi gioiellieri di allora specialmente parigini, creo’ oggetti in platino, smeraldi,diamanti di altissima fattura e scomponibili, alcuni di essi prevedevano collane che potessero trasformarsi in due bracciali o spille che potevano divenire pendenti. Anche i negozi vennero ridotti in modo da dare al negozio di Roma maggior visibilità’ e renderlo il polo centrale dove venivano curati tutti gli aspetti dalla creazione alla vendita.

Dei numerosi figli di Sotirio e Elena due in particolare seguirono le orme del padre; Giorgio e Costantino. Il primo aveva senza dubbio un’impronta imprenditoriale di alto livello mentre Costantino era un profondo conoscitore di oggetti antichi, gioielli ed argenti; un binomio che non tardo’ a portare i suoi frutti. Dopo la scomparsa di Sotirio nel 1932 i figli decisero di espandere il negozio di Roma inaugurandolo nuovamente nel 1934 dopo una lavorazione ad opera della Ditta Medici che ancor oggi rappresenta lo stile della boutique. A dispetto della crisi economica degli anni 30 e della seconda Guerra Mondiale l’ azienda continuo’ la sua produzione anche se molto limitata nell approvvigionamento di materie preziose. nel secondo dopoguerra Bulgari iniziò nuovamente una produzione di alto livello ispirandosi a temi greci e romani e Giorgio assunse pienamente il controllo della gioielleria per permettere a Costantino ricerche su orafi italiani ed argentieri. Le sue pubblicazioni infatti in materia sono ancor oggi un riferimento per tutti gli appassionati del settore.

La scomparsa di Giorgio nel 1966 fu una grande perdita per la famiglia, i dipendenti e tutti coloro che frequentavano il negozio di Via de Condotti. Alla sua scomparsa la terza generazione già’ era pienamente addentrata nel business di famiglia, Gianni, Paolo e Nicola avevano già’ dato la loro impostazione che tuttora caratterizza il marchio.

L’espansione del marchio Bulgari avviene negli anni ’70, quando vengono aperti i negozi di New York, Parigi, Monte Carlo, Ginevra

Nel 1975 Bulgari dona un orologio in oro ai suoi più affezionati clienti, dallo stile semplice ed unico con un doppio logo sulla lunetta; apprezzato e dall’immediato successo, ne segue la produzione destinata alla vendita. Nasceva così il “BVLGARI BVLGARI”, conosciuto anche come BB. L’orologio nasce nel periodo in cui Bulgari fonda il Bulgari Time Neuchatel, ramo dell’azienda destinato a produrre l’intera linea di orologi.

Nel 1993 Bulgari entra definitivamente nel mondo del profumo, e nel 2007 nel mondo della cosmesi. Nel 1998 Bulgari lancia la linea di accessori in cuoio e la linea di occhiali. Dal 2001 Bulgari ha creato anche una catena di alberghi e resorts, Bulgari Hotels & Resorts.

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in APERTURA

biblioteca civica, cosenza, pierfranco bruni

Biblioteca Civica di Cosenza chiude. Al Ministro Franceschini lo scritto di Pierfranco Bruni

Redazione ComunicareITALIA5 agosto 2017
Roberto Medicino: I Deserti dell'Anima

Il premio “Diego Velázquez” all’artista cosentino Roberto Mendicino.

Redazione ComunicareITALIA5 luglio 2017
Bandiera dell'Europa, francescomaria tuccillo

Francescomaria Tuccillo a Brescia: “Cambiare l’Italia per cambiare l’Europa”

Fabio Gallo12 giugno 2017
Basilica romana di San Marco Evangelista

Al Vicario di Papa Francesco Angelo De Donatis l’augurio della “Paolo di Tarso”

Fabio Gallo30 maggio 2017
Angelo ventimiglia-magna graecia-arte

Angelo Ventimiglia: artista di talento ritrova il Tempo che fu della Bellezza

Redazione ComunicareITALIA13 maggio 2017
Biennale Dieta Mediterranea - alcuni dei sottoscrittori del Manifesto Costituente

La Dieta Mediterranea e i Diritti Umani al Cibo Sano hanno la loro Biennale. Sottoscritta la Costituente

Fabio Gallo28 aprile 2017
castello corigliano dotranto biennale

La Costituente della Biennale della Dieta Mediterranea a Corigliano D’Otranto in Puglia

Redazione ComunicareITALIA16 aprile 2017
cetraro, bellezza del sacro,patrimonio culturale

Cetraro “Eterna Bellezza” presenta la Digitalizzazione del suo Patrimonio Culturale: un Capolavoro!

Redazione ComunicareITALIA31 marzo 2017
Da Sx l’Ambasciatrice di Malta, Vanessa Frazier, rappresentante permanente al WFP e il Direttore Esecutivo del World Food Programme Ertharin Cousin 
Photo: WFP/Giulio d’Adamo

L’APP della Dieta Mediterranea “MDiet” nella sede centrale del World Food Programme (PAM – Programma Alimentare Mondiale)

Redazione ComunicareITALIA15 marzo 2017
giorgio-benvenuto

Nasce il progetto “Articolo 1”: l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro.

Redazione ComunicareITALIA7 marzo 2017
vanessa frazier - dieta mediterranea - malta - italia

APP della Dieta Mediterranea alla FAO con il sostegno del Governo Maltese ad una Rete Internazionale

Redazione ComunicareITALIA5 febbraio 2017
biennale-diritti umani-cibo sano-pace

Dieta Mediterranea: lo scienziato Alberto Fidanza; io c’ero. Ora, la Memoria della “vera verità”

Redazione ComunicareITALIA24 gennaio 2017
Da sx: Mariella Russo, Nico D'Ascola Presidente Commissione Giustizia del Senato, Adriana Musella

Premio Giorgio Ambrosoli ad Adriana Musella e Mariella Russo dell’Università Antimafia di Limbadi

Redazione ComunicareITALIA16 gennaio 2017
silvia-lanzafame-sandra-giudiceandrea

Diritti Umani all’apprendimento: in Calabria apre il Laboratorio Specialistico AID

Redazione ComunicareITALIA16 dicembre 2016
Silvia Lanzafame - dislessia-aid

Silvia Lanzafame: a Rossano apre Sportello AID. La Dislessia ha il suo sostegno al “Majorana”

Redazione ComunicareITALIA28 novembre 2016
diritti umani

Diritti Umani e Diritti dei Bambini: con INPEF la “Paolo di Tarso” per la Bandiera della Pace

Redazione ComunicareITALIA22 ottobre 2016
Fabio Gallo

Fabio Gallo al giovane calabrese offeso da Oliviero Toscani: vorrei fare una foto con te

Redazione ComunicareITALIA21 ottobre 2016
associazione-nazionale-sociologi-calabria

Francesco Rao indica ai Sociologi la BIENNALE dei Diritti Umani al Cibo Sano

Redazione ComunicareITALIA15 ottobre 2016
Settimana Nazionale della Dislessia Cosenza

Dislessia: prende vita a Cosenza la 1° Edizione della Settimana Nazionale

Redazione ComunicareITALIA30 settembre 2016
padre francesco marinelli correttore generale ordine dei minimi

Dal Santuario di San Francesco di Paola nuovo ardore, nuovi metodi, nuove espressioni

Redazione ComunicareITALIA15 settembre 2016
Carlo Lucarelli tra i protagonisti del Film-Documentario

Film-Documentario “I due viaggi di Francesco, tra Storia e Culto”

Redazione ComunicareITALIA13 agosto 2016
Il Grande Concerto per la Pace e Dialogo Interreligioso in Calabria

Il Grande Successo del Concerto per la Pace in Calabria

Redazione ComunicareITALIA13 agosto 2016
Il Grande Concerto per la Pace e Dialogo Interreligioso in Calabria

300 Musicisti celebrano San Francesco di Paola in Calabria. Uniti per la Pace e il dialogo interreligioso

Redazione ComunicareITALIA8 agosto 2016
Uno dei graffiti di GraffArte di Luglio 2016 nella Città di Paola

Successo per GraffiArte a Paola. Un grande pesce rosso posa con i Turisti

Redazione ComunicareITALIA1 agosto 2016
Pippo Franco autore di “A Braccia Aperte” dedicato a San Francesco di Paola

“A braccia Aperte” l’Evento dello Spirito di Pippo Franco per i 600 Anni di S. Francesco

Redazione ComunicareITALIA18 luglio 2016
Talent F@ctory - Puglia

La Scuola che eccelle: 2 Milioni e Mezzo di Euro per Progetti innovativi in Puglia

Redazione ComunicareITALIA11 luglio 2016
dieta mediterranea- cibo sano

Dieta Mediterranea: il Colosso della Silicon Valley si congratula con l’App “Mdiet”

Redazione ComunicareITALIA22 giugno 2016
Fabio Gallo - Esperto di Gestione della Conoscenza

Fotografia e Intelligenza Connettiva per il Patrimonio Culturale in Calabria

Fabio Gallo14 giugno 2016
Padre-Gregorio-Colatorti-Mons.-Pietro-Amato

“Un popolo senza memoria non esiste”. Marinelli e Amato presentano due Volumi d’Arte

Redazione ComunicareITALIA28 maggio 2016
san-francesco-di-paola-volume-darte-pietro-amato

Presentazione dell’Opera “L’arte della santità. San Nicola Saggio di Longobardi” a cura di Mons. Amato

Redazione ComunicareITALIA22 maggio 2016