TECH

Le Bufale su Internet (hoax)

Cosa sono le bufale su Internet?
I messaggi che riceviamo ogni giorno nelle nostra casella di posta elettronica,  possono essere di diversi tipi e soprattutto non essere del tutto innocui.
Messaggi che proprio non vorremmo ricevere sono quelli che contengono pubblicita’ indesiderata (spam) che ci viene inviata da sconosciuti.
Altri messaggi (questa volta potrebbero anche essere stati inviati dal pc di nostri amici a loro insaputa), potrebbero contenere dei virus che a loro volta cercheranno di  diffondersi in modo autonomo.
Potremmo trovare messaggi che appartengono alla categoria delle bufale o bidoni (hoax), anche loro hanno lo scopo di diffondersi il piu’ possibile su internet ma per fare questo hanno bisogno del nostro aiuto.

Come si diffondono?
I messaggi hoax per diffondersi usano la tecnica delle catene di Sant’ Antonio e possono trattare gli argomenti più disparati, dalle catene di solidarietà, ai falsi virus informatici e via dicendo e come consiglio finale invitano sempre a spedire il messaggio a tutti gli indirizzi che abbiamo in rubrica.

Come si distingue un appello vero da uno falso?
Normalmente quanto affermato nel messaggio e’  falso e solo una minima percentuale dei messaggi e’ autentica. Quindi prima di spedirlo agli indirizzi della nostra rubrica, e’ meglio  verificare l’ attendibilità del testo.

Per fare questo abbiamo alcuni strumenti a disposizione.

– Usare Google o altri motori di ricerca e cercare una o piu’ parole chiave contenute nel testo. Ad esempio se il testo contiene nomi di bambini malati, cercando questo nome-cognome facilmente troveremo siti che discutono sulla veridicità di questo messaggio.
– Cercare riferimenti al messaggio su siti specializzati in servizi antibufala
– Una seconda attenta rilettura del testo con maggiore senso critico potrebbe rendere meno credibile il contenuto mettendo in evidenza sviste o inesattezze che tradiscono il messaggio bufala.
– Se trascorrete molte ore su internet e’ utile spendere una parte del  vostro tempo trascorso a navigare per consultare siti che trattano l’argomento della sicurezza in rete. Se ci teniamo aggiornati su ciò che accade in rete questo ci rende meno vulnerabili.
Quali danni possono provocare gli hoax ?
In conclusione si può affermare che il virus e’ il messaggio stesso, messaggio scritto con lo stesso scopo di chi scrive i virus veri e cioè di fare più danni possibili in rete.
I danni che possono fare questo tipo di messaggi a prima vista non si vedono e per fortuna sono limitati ma se si seguissero le istruzioni si verificherebbe uno scambio abnorme di messaggi che di ora in ora si moltiplicherebbero in modo esponenziale con conseguente intasamento di caselle e-mail e aumento del tempo  di connessione necessario per svuotare la propria casella di posta elettronica.
Inoltre ogni e-mail porta con sé un elenco considerevole di altri indirizzi che hanno ricevuto il messaggio della catena e questo e’  una manna per gli spammer cioè per coloro che sono alla costante ricerca di nuovi indirizzi per poter inviare pubblicità’ non richiesta.
Tutto questo si traduce per gli utenti di internet in una perdita di tempo e in alcuni casi anche in una perdita di denaro.

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in TECH

sandisk,storage,fotografia

Storage Foto e documenti personali in una cassaforte digitale lontana dalla rete e micro.

Redazione ComunicareITALIA10 gennaio 2016
social-network

Usare i social network fa male o bene?

Redazione ComunicareITALIA19 ottobre 2014
milkmaid-software

The Milkmaid di Vermeer ispira Azienda Software

Redazione ComunicareITALIA14 aprile 2014
fibra-ottica-telecomitalia

Telecom Italia accelera con l’Internet super-veloce

Redazione ComunicareITALIA2 gennaio 2014
social-network-twigis

Arriva Twigis, il social network per i bambini

Alessandra Pellegrino26 settembre 2013
legge-gomma-internet-giovani

Internet: arriva “Legge Gomma” che cancella errori di gioventù

Redazione ComunicareITALIA25 settembre 2013
urlspia-urlm.it-falso-dati

URLSPIA.IT non è attendibile. Ne parla l’esperto

Redazione ComunicareITALIA1 settembre 2013
steve-ballmer-microsoft-internet-comunicareitalia

Microsoft, finisce l’era Ballmer: “Lascio entro 12 mesi”

Redazione ComunicareITALIA23 agosto 2013
google-guardia-di-finanza-tasse

Google e il Fisco: l’Italia si sta svegliando. Ma c’è molto di più..

Redazione ComunicareITALIA20 luglio 2013
bitcoin-moneta-virtuale

Bitcoin, lo sai che c’è una moneta virtuale già molto utilizzata?

Redazione ComunicareITALIA30 maggio 2013
warren-twitter

Twitter: «Warren c’è» E guadagna mille follower al minuto

Redazione ComunicareITALIA3 maggio 2013
chat, comunicareitalia

Spacciarsi per un’altra persona in chat è reato

Redazione ComunicareITALIA30 aprile 2013
Un Grande Progetto tutto ITALIA per salvare il Turismo

Opportunità per giovani Programmatori: da non perdere!

Redazione ComunicareITALIA13 luglio 2012
comunicareitalia

Presto Apple occhiali simili a Google

Redazione ComunicareITALIA7 luglio 2012
Una ricostruzione di 'British Bombe' il computer usato per decriptare i messaggi di Enigma - Bletchley Park museum (fonte Tom Yates)

I 100 anni di Alan Turing, padre dell’informatica

Redazione ComunicareITALIA24 giugno 2012
Unione Europea vieta filtri Copiryght

Pirateria: Europa vieta i filtri. Sono contrari alle leggi della Ue

Redazione ComunicareITALIA30 novembre 2011
quotidiani-nazionali-cartacei-addio

Quotidiani nazionali, addio ai cartacei: due italiani su tre preferiscono l’on line

Redazione ComunicareITALIA23 novembre 2011
Windows Vista

Windows Vista blocca pc: cosa sta succedendo?

Fabio Gallo24 novembre 2010
Stregati dall'E-Book

Stregati dall’Ebook: In Italia grandi gruppi surclassati dagli indipendenti

Manuel21 novembre 2010