APERTURA

L’antico Oriente rivive a Roma, tra pittura e multimedialità

APERTURA

Questo autunno Roma ha decisamente aperto le porte all’Oriente con due belle mostre, molto diverse tra loro, negli incantevoli spazi del Chiostro del Bramante e delle Terme di Diocleziano.

Cominciamo con il Chiostro. Il museo ci ha abituati negli anni a mostre di qualità, spesso difficili da realizzare perchè fuori dalla logica dei grandi nomi che si impone nella programmazione di molti musei (ricordiamo a titolo di esempio gli Iperrealisti americani, Gaspar Van Wittel, il Déco in Italia).
Nelle sale intorno al chiostro rinascimentale che dà il nome allo spazio è il turno di una bella mostra sugli Orientalisti italiani, Orientalisti. Incanti e scoperte nella pittura dell’Ottocento italiano (fino al 22/01/2012).
Anch’essa una scelta coraggiosa, sebbene l’arte dell’Ottocento sembri conoscere oggi una nuova ondata di preferenze da parte del pubblico, complici anche le celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Ma, almeno a Roma, è un secolo ancora trattato saltuariamente, nelle programmazioni dei musei (come la Galleria Nazionale di Arte Moderna, le Scuderie del Quirinale, il Vittoriano, Palazzo Braschi o il Museo Napoleonico) o affidato alle iniziative private di storiche gallerie e antiquari (come la galleria Carlo Virgilio, Antichità Berardi, Galleria Alessio Ponti, Nuova Galleria Campo de’ Fiori).

L’Orientalismo qui presentato è la versione peninsulare dell’ampio genere pittorico che ha avuto la sua magnifica stagione in Francia e in Inghilterra, grazie alle campagne coloniali e ai viaggi degli artisti nei paesi al di là del Mediterraneo. Parigi aveva trattato questo movimento lo scorso anno, all’interno della grande mostra dedicata dal d’Orsay a Jean-Léon Gérôme, maestro apprezzato anche dai pittori ‘ribelli’ quali gli Impressionisti. Oggi la mostra romana, curata da Emanuela Angiuli e Anna Villari, ci racconta “gli echi della spedizione di Napoleone in Egitto, i resoconti di esploratori, faccendieri e ardimentosi avevano infiammato la fantasia del Vecchio Continente. Le cronache di piaceri proibiti, odalische, harem, hammam avevano fatto il resto. Poi c’era la voglia di saperne di più, di scoprire e capire terre geograficamente non tra le più lontane, eppure distanti per cultura, storia, atmosfere. Una malia che stregò molti artisti, alimentata da committenti altrettanto presi dal fascino di un Oriente vicino e, allo stesso tempo, lontanissimo”. Le varie sezioni (il deserto, la città, le figure, le odalische) presentano nomi nuovi e affermati al pubblico delle mostre: accanto ai beduini a cavallo di Stefano Ussi, partito alla volta dell’Egitto e del Marocco – dove trova spunto per illustrare appunto “Marocco” di Edmondo De Amicis – ammiriamo (quasi una scoperta) i parmensi Alberto Pasini, di Busseto, conterraneo dunque e quasi coetaneo di Giuseppe Verdi, e Roberto Guastalla, detto il pellegrino del sole, le cui opere hanno già una tendenza all’astrazione sui volumi architettonici e i grandi cieli. I nomi sono molti, De Nittis e Previati, Michele Cammarano, Ettore Cercone, Francesco Netti, Francesco Vinea, il più contemporaneo Giuseppe Amisani, Francesco Hayez (che però non si mosse dall’Italia), Ippolito Caffi, Domenico Morelli. E di quest’ultimo piace segnalare un’opera magnifica, collocata nella seconda sala, La preghiera di Maometto (1886-1887, dal Museo Revoltella di Trieste). Maometto si stacca dalla folla per invocare Allah prima della battaglia. Dietro di lui il suo esercito inginocchiato in preghiera sembra un’onda che muove verso la costa. L’ampia composizione diagonale, la profondità dello sfondo nella foschia di un cielo violaceo, la pennellata fluida che rende la materia in maniera eccezionale in una palette tutto sommato sobria, ne fanno una delle più belle tele da ammirare a Roma in questa stagione espositiva autunnale.

Tra le opere, a volte un po’ sacrificate dalla scelta dei colori delle pareti, si leggono brani della letteratura di viaggio tratti dalle descrizioni di Pierre Loti, del nostro De Amicis, di Flaubert, alla ricerca di un parallelismo tra figura e parola per rendere la suggestione dell’esotismo del viaggio.

A riguardare il catalogo (Silvana Editoriale) dopo aver visitato la mostra, restano in mente i deserti ocra, i cieli abbacinanti, le chiazze di colore sulle stoffe preziose, le strade dei suk cariche di oggetti e persone. Una ‘folla’ di dettagli che si anima nella seconda mostra, A Oriente. Città, uomini e dei sulla vie della seta  (fino al 26 febbraio 2012), alle splendide Terme di Diocleziano a Roma dove ha luogo la Biennale Internazionale di Cultura “Vie della Seta” curata da Zètema Progetto Cultura. L’allestimento narra attraverso opere archeologiche, oggetti di uso quotidiano, foto e documenti l’immensa umanità che ha percorso la via della seta. Il suggestivo percorso multimediale interattivo è stato curato dal celebre gruppo di artisti multimediali Studio Azzurro, che ci ha ormai abituati alla loro regia per mostre su temi diversi. Attraverso video, foto, animazioni e un sapiente uso della luce, i pregiati pezzi antichi così come gli oggetti più comuni vengono animati all’avvicinarsi dello spettatore. La sensazione è di camminare a ritroso nel tempo, in luoghi millenari, faccia a faccia con i viaggiatori che hanno calpestato le strade delle antiche capitali mediorientali e asiatiche portando con sé non solo la preziosa stoffa ma storie da raccontare.

Maria Stella Bottai

 

 

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in APERTURA

Ecosistema Digitale della Cultura CALABRIA EXCELSA

Fabio Gallo: presto in rete l’Ecosistema Digitale della Cultura della Calabria

Fabio Gallo31 luglio 2022
Il tenore Federico Veltri

Fabio Gallo ospite del Summer Music Camp: “esperienza formativa di altissimo livello. Grazie a Federico Veltri”

Redazione ComunicareITALIA22 luglio 2022
Polo per la Digitalizzazione dei Beni Librari antichi e manoscritti

A Cosenza il Polo per la Digitalizzazione dei Beni Librari antichi e manoscritti

Fabio Gallo19 luglio 2022
3x21sognidisaveria2 - Da Sx: Francesca Ruberto, Silvia Lanzafame, Stefania Perrotta, Linda Capocasale, Ileana Ferraro, Sinvia Vanzillotta, Monica Mollame

Successo per “3X21 LIMITLESS” il progetto pilota in Italia che parte da Cosenza. Grazie a tutti!

Redazione ComunicareITALIA1 luglio 2022
officina delle arti

Officina delle Arti a Cosenza: Consiglieri e Delegati a lavoro.

Redazione ComunicareITALIA28 giugno 2022
Il Teatro Officina delle Arti di Eduardo Tarsia

Crisi Teatri a Cosenza. Fabio Gallo: Officina delle Arti già digitalizzata e inserita nel MetaversoCOSENZA.

Redazione ComunicareITALIA19 giugno 2022
Il Teatro di Tradizione Alfonso Rendano di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza chiudono i Teatri. La politica ha le sue responsabilità. Il Rendano sia d’esempio

Fabio Gallo13 giugno 2022
Opera di Cornelia Parker

Arte, le mostre e gli eventi da non perdere quest’estate

Redazione ComunicareITALIA12 giugno 2022
MAB - Museo all'Aperto Bilotti

Roberto Bilotti a Cosenza ospite del Centro di Alta Competenza CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA26 maggio 2022
Scorta Civica per Nicola Gratteri

Istituita la “Scorta Civica” per Nicola Gratteri. Venerdì il primo sit-in a Catanzaro.

Redazione ComunicareITALIA10 maggio 2022
Festival della Scienza - Liceo Scientifico "G. Berto" - Vibo Valentia

Il Festival della Scienza di Vibo invita Fabio Gallo ideatore di MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA29 aprile 2022
Fabio Gallo e Antonietta Cozza

Cosenza, Teatro Rendano: i Delegati Fabio Gallo e Antonietta Cozza incontrano dirigenti e funzionari del Comune

Redazione ComunicareITALIA28 aprile 2022
Biblioteca Nazionale di Cosenza

Fabio Gallo: a Cosenza si torna a parlare di Cultura e Belle Arti senza perimetri

Redazione ComunicareITALIA14 aprile 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA l’immersione innovativa nei Beni Culturali piace all’Università e alla ricerca

Redazione ComunicareITALIA12 aprile 2022
Fabio Gallo-delegato dal Sindaco di Cosenza all'Ecosistema Digitale della Cultura

Ecosistema Digitale della Cultura. A Fabio Gallo la delega del Comune di Cosenza

Viviana Normando4 aprile 2022
Da sx: Fabio Gallo - Franz Caruso

Franz Caruso: Fabio Gallo all’Ecosistema Digitale della Cultura e Consulente del Sindaco per il Teatro

Redazione ComunicareITALIA1 aprile 2022
Teatro Alfonso Rendano - Foto Aerea di Mario Timpano

La “Paolo di Tarso” su comunicato stampa della Consigliera comunale di Cosenza Alessandra Bresciani

Redazione ComunicareITALIA25 marzo 2022
MetaversoCOSENZA - Ecosistema Digitale della Cultura

MetaversoCOSENZA, boom di visite e interesse culturale e scientifico

Redazione ComunicareITALIA19 marzo 2022
metaversocosenza-massimodebuono-fabiogallo-bncs

Grande successo per l’inaugurazione di MetaversoCOSENZA, Ecosistema Digitale della Cultura

Redazione ComunicareITALIA17 marzo 2022
MetaversoCOSENZA

La città di Cosenza ha il suo ecosistema digitale della Cultura. Si chiama MetaversoCOSENZA

Redazione ComunicareITALIA8 marzo 2022
Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti

Istituite le “Olimpiadi della Cultura e delle Belle Arti”. Martedì la sottoscrizione a Cosenza

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
arte-treccani

Il significato di “Arte” te lo spiega Treccani: “capacità di agire e di produrre…”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Baya Mahieddine

Arte.it, la Biennale d’Arte 2022 fucina “green” di una nuova umanità nel segno del “reincanto”

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Gabriele Münter

A Berna un nuovo sguardo su Gabriele Münter, pioniera dell’Arte Moderna

Redazione ComunicareITALIA20 febbraio 2022
Opera di Cesare Tacchi

Cesare Tacchi. Una casa di foglie e fogli, a cura di Daniela Bigi con l’Archivio Cesare Tacchi

Fabio Gallo20 febbraio 2022
fabio-gallo3

CIS Cosenza Centro Storico, Fabio Gallo: finalmente l’epilogo di una storia infinita.

Redazione ComunicareITALIA4 febbraio 2022
Belle Arti

Digitalizzazione, riparte “120Giorni della Belle Arti”. Se ne occuperà CONNESSIONI

Redazione ComunicareITALIA31 dicembre 2021
150° anniversario dell'AIDA di Giuseppe Verdi

Teatro: 150° anniversario dell’AIDA. Il MiC celebra il capolavoro di Verdi

Redazione ComunicareITALIA27 dicembre 2021
centro di alta competenza connessioni

Cosenza, successo per l’evento di CONNESSIONI dedicato alla sicurezza della Città Storica e al PNRR

Redazione ComunicareITALIA18 dicembre 2021
Teatro Alfonso Rendano di Cosenza

Cosenza, Fabio Gallo: il Teatro Rendano tra abbandono, degrado e inciviltà. Mai più così. Appello al Sindaco

Redazione ComunicareITALIA1 dicembre 2021