EVIDENZA

Giovani cervelli in fuga, debutta negli Usa la rete per restare ‘collegati’

Houston – Nasce dal bisogno di restare in contatto e di aiutarsi, dopo essere approdati negli Usa. E’ ‘Young – ISSNAF’, acronimo di Italian Scientist and Scholars of North American Foundation, la rete per i cervelli italiani sotto ai 40 anni ed emigrati Oltreoceano, che debutta oggi all’Italian Communites Cultural Center di Houston in Texas. E’ questa la faccia della nuova diaspora di talenti negli States: sempre più giovani, sempre più motivati a farcela e sempre più intenzionati a portare alto il nome dell’Italia senza precludersi, in futuro, una possibilità di rientro. La dottoressa Chiara Gabbi, reggiana di 34 anni, da cinque ricercatrice nel campo delle malattie metaboliche del fegato, è uno di questi talenti. Nonostante una dura vita di sacrifici, divisa tra il Karolinska Institutet di Stoccolma e il nuovo centro di ricerca che l’ha reclutata in Texas, Gabbi è stata sempre in prima fila per far nascere il network: ”In questi miei cinque anni all’estero – racconta ad Adnkronos – ho incontrato tantissimi giovani italiani di spessore, con grande energia e voglia di fare che, come me, condividono il sogno di far progredire la ricerca e vivono una speranza, benchè lontani dal loro Paese e dagli affetti”. L’idea di una rete ‘under 40’ è nata quasi per caso, in quegli ambienti accademici di Houston, dove spesso si sente parlare italiano nei corridoi, e si scopre così che dietro a tanti progetti di ricerca – a Houston come a Boston, a San Francisco come a Washington – ci sono le ‘teste’ degli italiani.

Non è casuale, tuttavia, la scelta di Houston come trampolino di lancio dell’iniziativa. La ricerca italiana nella capitale del Texas, Stato certamente più conosciuto per il suo petrolio, è uno dei ‘segreti’ meglio custoditi degli Usa: è qui che sorgono alcuni dei più prestigiosi poli di ricerca del mondo in campo medico, energetico e spaziale. E’ qui che il prossimo 3 dicembre si riunirà la Conferenza dei Ricercatori Italiani nel Mondo, un’iniziativa del Comites (Comitato Italiani all’Estero) con il patrocinio del Consolato italiano di Houston, giunta alla sua sesta edizione. Ed è sempre in questa città che si è imposta nel tempo una nutrita ed affermata comunità scientifica italiana. ”Da espatriati – spiega la dott.ssa Gabbi – nasce il bisogno di restare collegati, cosa che negli Usa ancora non accadeva fra i più giovani, e si avverte anche il dovere morale di mettere le nostre conoscenze a servizio della ricerca e della medicina nel nostro Paese d’origine”. Come? Young Issnaf è, in realtà, un ”network nel network”: una costola della rete dei ricercatori e degli accademici italiani in America, la Issnaf, nata nel 2008 su iniziativa di 37 studiosi italiani di fama mondiale, fra cui dei premi Nobel quali il fisico Renato Dulbecco, il genetista Mario Capecchi e l’astrofisico Riccardo Giacconi. Oggi Issnaf è una fondazione solida e strutturata che conta più di un migliaio di membri le cui competenze spaziano in tutti i settori della ricerca scientifica e tecnologica. Sarà quindi Issnaf, la rete ‘senior’, nella persona del suo presidente, il Prof. Vito Campese, affiancato dal Console italiano a Houston, Fabrizio Nava, a tenere a battesimo la neonata Young-Issnaf .

Ai giovani membri che ne faranno parte la nuova rete Young darà l’opportunità di essere supportati dal punto di vista logistico, professionale e redazionale. Punto qualificante dell’iniziativa sarà soprattutto il Mentorship Program: un autorevole programma di tutoraggio, condotto dai più conosciuti ricercatori italiani dell’Issnaf e finalizzato a guidare le giovani leve nelle loro scelte professionali. ”Uno degli obiettivi della nostra Fondazione – sottolinea il Presidente di Issnaf , Vito Campese – è appoggiare i nostri membri nella loro crescita professionale. Farlo con i più giovani rappresenta una sfida ancora più ambiziosa ed entusiasmante”. Il mentorship Program, patrocinato dal Prof. Mauro Ferrari – pioniere nel campo della nanobiotecnologia e direttore del Methodist Research Institute di Houston – permetterà ad affermati professionisti italiani, espatriati da tempo negli Usa, di mettere le loro conoscenze e la loro esperienza al servizio dei giovani ricercatori per aiutarli nella costruzione di una solida carriera, non solo in Nord America. ”Trasferendosi negli Usa – spiega infatti il Console a Houston Fabrizio Nava – questi ragazzi entreranno in contatto con un network, capace di fornire loro prospettive molto più ampie che, certamente, non precludono la possibilità di un ritorno in patria, con la quale peraltro quasi tutti i nostri ricercatori mantengono contatti, anche professionali”. Il network, precisa quindi la sua promotrice, ”offrirà vari livelli di servizi e di interazioni, a seconda delle necessità dell’utente: dallo studente italiano negli Usa a chi ha appena intrapreso una carriera universitaria”.

A Houston, di fronte a una qualificata platea di addetti ai lavori, sarà intanto presentata la piattaforma del network: un sito web e le sue diverse sezioni. Quella ‘Help me I’m lost’ fornirà informazioni pratiche ai nuovi arrivati. Le sezioni tutoriali daranno utili indicazioni su come accedere ai vari finanziamenti per la ricerca. L’anima del network si trova invece nelle sezioni ‘Forum’ e ‘Find research collaborators’, dove sarà possibile dialogare e conoscere altri ricercatori di origine italiana negli Usa al fine di avviare collaborazioni scientifiche ed eventualmente accedere ai finanziamenti per le ricerche multicentriche. Secondo il Console Nava, ”per un giovane ricercatore alle prime armi che si trasferisce all’estero è importantissimo poter contare sul sostegno di una rete di colleghi ed amici, nonche’ accedere ad un mentorship di eccezione come questo”. ”Che cio’ avvenga in un contesto di dialogo e collaborazione con le Istituzioni italiane e gli altri organismi che riuniscono gli italiani all’estero – conclude – e’ un punto di forza che permetterà all’associazione di crescere e consolidarsi rapidamente”. Il prossimo passo del network sara’ infatti ”strutturarsi”, conferma Chiara Gabbi. Un obiettivo, a sua detta, a portata di mano visto ”la risposta straordinariamente positiva che i giovani ricecartori italiani, da tutti gli States, hanno dato all’iniziativa”. All’anuncio di una piattaforma in costruzione, Gabbi e’ stata subito contattata da decine di colleghi che si sono offerti di lavorare come volontari al progetto. Da giugno ad oggi le iscrizioni alla rete Issnaf sono aumentate del 30%, e in tutti i casi si tratta di ”under 40”. ”In pochi mesi – precisa la ricercatrice – le adesioni sono state un centinaio. Un risultato assolutamente inaspettato”.

Sulla scia del successo inziale, anche il team al lavoro per lanciare la rete si è ingrossato: con Chiara Gabbi, oltre ai numerosi volontari, figurano una communication manager proveniente dalla ricerca farmacologica e dal giornalismo scientifico, Chiara Finotti, e un’altra coordinatrice originaria di Messina e volata anni fa in Florida, l’internista Stefania Mondello. Ma come si entra nella rete dei giovani cervelloni? I membri a pieno titolo di Young-Issnaf devono essere italiani, laureati, avere meno di 40 anni ed essere affiliati a un’università americana da almeno un anno. La rete tuttavia sarà aperta anche al mondo degli studenti italiani, che negli Usa hanno trascorso solo un periodo e, soprattutto, a quei ricercatori italiani che hanno deciso di tornare a casa. ”Stiamo lavorando a varie idee su questo fronte – annuncia infatti Gabbi – dalla possibilità di avviare collaborazioni scientifiche con i colleghi italiani all’istituzione di borse di studio per ‘felloships’ negli Usa”. ”Ricerca significa anche mobilita’, apertura sul mondo e scambio e, in questo senso – prosegue la ricercatrice – il Ministero della Salute sta facendo un lavoro davvero prezioso per facilitare l’interazione tra Italia e Stati Uniti”. Ma così l’Italia non rischia di continuare a ”perdere teste”?Una polemica sterile”, taglia corto Gabbi, perché ”in questo momento di grande fragilità del nostro Paese bisognerebbe piuttosto iniziare a lavorare perché l’Italia in futuro diventi un paese di immigrazione scientifica, capace di attrarre professionisti da tutto il mondo”.

 

Fonte Adnkronos

Utilizzare i tasti ← → (freccia) per navigare

Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in EVIDENZA

milano-moda-donna-comunicareitalia

Milano Moda Donna è giunta al termine: quali sono le stranezze viste in passerella?

Redazione ComunicareITALIA19 ottobre 2014
marcia-perugia-assisi-1

Marcia della Pace: da Perugia ad Assisi, in 100 mila per dire no alla guerra

Redazione ComunicareITALIA19 ottobre 2014
Il presidente Russo Putin

Gas, Russia e Cina verso accordo

Redazione ComunicareITALIA20 maggio 2014
mozzarella-bufala-caserta

Quella Mozzarella era una Bufala: il PM Capasso ne arresta 13 a Caserta

Redazione ComunicareITALIA12 maggio 2014
agricoltura-calabria-turismo-expo-2016

Club Service a Castrovillari per Agricoltura, Cultura e Turismo futuro della Calabria

Fabio Gallo10 maggio 2014
insiemeafrancesco-sport-famiglia-comunicazione

Sport & Famiglia si ritrovano INSIEMEAFRANCESCO.IT

Redazione ComunicareITALIA16 aprile 2014
dislessia-comunicareitalia

Dislessia: “l’Apprendimento un diritto di tutti”

Redazione ComunicareITALIA3 aprile 2014
evasione-fiscale-2013

Evasione fiscale, nel 2013 scoperti quasi 60 miliardi di somme nascoste

Redazione ComunicareITALIA23 gennaio 2014
umeaa-cultura-italia

Umeå capitale europea della cultura 2014: la lezione svedese

Redazione ComunicareITALIA2 gennaio 2014
marchio-arena-italia

Arena acquisita dal fondo Capvis

Redazione ComunicareITALIA2 gennaio 2014
movimento-saute

Muoversi è cura più potente, previene 40 patologie croniche

Redazione ComunicareITALIA2 gennaio 2014
anuga, colonia, germani, sequestro-falso-made-in-italy

Anuga, Germania: sequestrati falsi Made in Italy nella nota fiera tedesca

Redazione ComunicareITALIA13 ottobre 2013
libro-nola-cronaca-dalleccidio-liguoro

“Nola, cronaca dall’Eccidio”. I Martiri del 43

Redazione ComunicareITALIA24 settembre 2013
belen-rodriguez-stafano-de-martino-matrimonio

Belen si sposa e il parroco scappa ma il matrimonio sadda fare

Redazione ComunicareITALIA7 settembre 2013
lazio-juventus

Lazio perde nella prima partita Ufficiale e i tifosi toccano ferro perché……

Redazione ComunicareITALIA19 agosto 2013
Malito-moda-musica

Malito: una scoperta anche per i Vip e le Stelle dell’Arte

Redazione ComunicareITALIA6 agosto 2013
maegherita-hack-comunicareitalia

Antonino Zichichi a Margherita Hack: “Mia carissima nemica, quante litigate sul Nulla”

Redazione ComunicareITALIA30 giugno 2013
tic-mario campanella-mauro porta

Tic motori e vocali: c’è da preoccuparsi? A cura di Mario Campanella

Redazione ComunicareITALIA26 giugno 2013
mario campanella-modus operandi

Mario Campanella autore di “Modus Operandi”, il libro ambientato a Napoli

Redazione ComunicareITALIA22 maggio 2013
fondazione-comunicareitalia-fabio gallo-paolo di tarso-politica-italia

Un’Italia più Bella e più Vera. Fabio Gallo per ComunicareITALIA

Redazione ComunicareITALIA30 aprile 2013
comunicareitalia-rggr-alessandrocorneli-fabiogallo

ComunicareITALIA e Global Research & Reports Group insieme in Rete

Redazione ComunicareITALIA2 aprile 2013
beppegrillo-noamchowsky-fabiogalloo

Grillo cita Chomsky: “la democrazia è una scatola vuota”

Redazione ComunicareITALIA2 aprile 2013
trend-positivo-shopping-on-line-ecommerce

Trend positivo dei negozi ecommerce

Redazione ComunicareITALIA3 febbraio 2013
Alieni sarebbero già sulla terra: lo dice il Premier russo

Alieni sono sulla Terra: parola del Premier russo Medvedev

Fabio Gallo9 dicembre 2012
Il ritorno dei cellulari low cost

Finalmente un saggio ritorno al passato!! Telefoni Cellulari Low Cost con batteria da 600 ore

Redazione ComunicareITALIA9 dicembre 2012
Centro Microchirurgia Villa Massimo Roma - Congresso sulla cura del Glaucoma

Centro Microchirurgia Villa Massimo: contributi scientifici da Roma per curare il glaucoma

Redazione ComunicareITALIA14 novembre 2012
Il Presidente del Consiglio Mario Monti

FT Italy Summit. Mario Monti: ‘Non può esserci società civile senza lotta all’evasione’.

Redazione ComunicareITALIA14 novembre 2012
cerimonia-collaborazione-europa-italia-russia-aerei

Aerei e Tecnologia: collaborazione Europa Italia Russia

Redazione ComunicareITALIA13 novembre 2012
Il Senatore Mario Baccini autore di "La Democrazia Sociale di Amintore Fanfani"

Mario Baccini: e la Democrazia sociale di Amintore Fanfani

Redazione ComunicareITALIA25 ottobre 2012
simplymed-actionaid

Giornata Mondiale dell’Alimentazione: a Reggio Calabria Simply Med e ActionAid

Redazione ComunicareITALIA15 ottobre 2012